Catania, mare inquinato. Mancano i depuratori ma ce ne accorgiamo solo ora

luglio 8, 2017

|Katya Maugeri|

CATANIA – Una città di mare, bellissima, ricca di tradizioni e spiagge da non invidiare a nessuno. Già, una città di mare. Inquinato. Nei giorni scorsi la condotta di acque meteoriche presente accanto al solarium di piazza Europa ha riversato in mare una grande quantità di liquidi dal colore scuro, che ha  intorbidito l’acqua e per precauzione – chiaramente – i bagnanti sono stati invitati ad uscire. Non è iniziata proprio nei migliori dei modi la stagione balneare catanese che nelle ultime settimane ha dovuto fare i conti con un mare da incubo: dalla scogliera alla Playa un vero degrado ambientale che non sembra però interessare a chi di dovere. Questi darebbero certamente un parere parziale e integrato al sistema malato, che vede, ancora oggi, una destagionalizzazione inesistente – o raramente – un’offerta rimasta uguale nei ultimi trent’anni/quarant’anni con prezzi stratosferici se consideriamo che una cabina costa, oggi circa duemila euro con uno scenario deplorevole: acque sporche, “perché, non prendiamoci in giro, mancano i depuratori in tutta la costa Etnea”, ci dichiara un operatore turistico  che desidera rimanere nell’anonimato. Le dichiarazioni di chi dovrebbe realmente dare risposte esaustive continuano a dare sempre giustificazioni di comodo.
Forse il catanese  dovrebbe diventare più sensibile e interessarsi alla questione “acque inquinate” e sui costi, poiché qualcuno quest’estate ha dato forfait, così i titolari delle concessioni balneari stanno spremendo i clienti, con un’attenzione maniacale agli ingressi e agli altri servizi. E conclude: “Sono molto dispiaciuto, da cittadino, delle opportunità che vengono sprecate perché non esiste “sistema” con le strutture ricettive extralberghiere adeguate, praticamente: zero creatività, zero innovazione, dieci furbizia mediocremente catanese”.
Sarebbe il caso di impegnarsi e promuovere il turismo in Sicilia cominciando dalle basi, dalla prevenzione e dal rispetto per coloro che scelgono la nostra terra, e a coloro che in queste acque sono cresciuti in maniera limpida e cristallina.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.