Catania-Reggina, l’obbligo di vincere

marzo 18, 2018

 

 

 

 

CATANIA –  Lucarelli è certo della promozione, Maurizi della salvezza: due obiettivi che passano, soprattutto il primo, in gran parte dal risultato di oggi. Il Catania può solo vincere per respingere l’attacco del Trapani e continuare l’inseguimento al Lecce. Al Massimino scenderà con una formazione d’emergenza: Lodi squalificato, Biagianti e Mazzarani acciaccati, Di Grazia così così. Il tecnico etneo non vuole forzare e rischiare altri infortuni all’inizio di un trittico di partire che potrebbe dare una scossa alla classifica. Si parte con il 4-3-3 che garantisce sufficiente copertura indietro e adeguato sostegno all’unica punta centrale, Curiale, ma in fase di non possesso si passa al 4-1-4-1. “La squadra finalmente si è calata nel clima della Serie C, girone C”, ha sottolineato Lucarelli e aspetta la conferma, cioè la vittoria.

Catania, stadio Angelo Massimino, ore 14,30

CATANIA (4-3-3): Pisseri, Aya, Blondett, Bogdan, Marchese; Di Grazia, Biagianti, Bucolo; Barisic, Curiale, Manneh. A disposizione: Martinez, Esposito, Semenzato, Tedeschi, Mazzarani, Papaserio, Porcino, Rizzo, brodic, Ripa, Russotto. All. Lucarelli.

REGGINA (5-3-2): Cucchietti; Pasqualoni, Auriletto, Ferrani, Hadziosmanovic, Gatti; Marino, Provenzano, Armeno; Tulissi, Bianchimano. A disposizione: Licastro, Turrin; Arras, Bezzicheri, Castiglia, Condemi, Fortunato, Franchi, Giuffrida, Mezavilla, Sparacello. All. Maurizi

Arbitro:  Dionisi dell’Aquila.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.