Consiglio comunale, Erika Marco ancora non si è dimessa

luglio 27, 2017

 

CATANIA – La presenza di Erika Marco in Consiglio comunale è un insulto ai cittadini catanesi e alla classe politica che opera in piena trasparenza a vantaggio della collettività. Erika Marco non è solo figlia e parente di chi, in maniera continuativa, ha saccheggiato un ente pubblico: ma può essere identificata, infatti, e a mio modestissimo e personale avviso, con il  sistema marcio e corrotto che ha allontanato i cittadini dalla “cosa pubblica” e dalle urne. Chi tace e non interviene per interessi politici e personali, o ancor peggio per qualsiasi tipo di tornaconto dettato dalla politica del compromesso utile a non spezzare certi equilibri, si rende complice della legittimazione di un agire fraudolento che non può essere debellato sempre e solo dalla magistratura.

Con la sua permanenza sfrontata e ostinata dimostra la più totale assenza di etica, fondamentale se si rivestono ruoli e incarichi pubblici e istituzionali. Una grave mancanza di rispetto verso gli elettori che continueranno a perdere la loro fiducia nelle istituzioni. Un modo di operare comune tra i diversi esponenti che devono la loro ascesa a Rosario Crocetta.
Ecco di cos’è stato capace il presidente della Regione uscente: raccogliere il peggio che la politica regionale siciliana potesse offrire e garantire una poltrona come se fosse un diritto e non un merito attestato dagli elettori. Il risultato finale per la città di Catania è stato il grave danno che ha interessato l’Istituto Musicale Vincenzo Bellini e il disastro della Pubbliservizi principalmente a opera di Adolfo Messina. Erika Marco deve dimettersi, per dignità personale e per offrire ai cittadini una possibilità di rivalsa immediata.

Debora Borgese, referente nazionale “Terra Nostra – Italiani con Giorgia Meloni”.

Il rossore non è un colore politico. Erika Marco si dimette. Ma solo dal gruppo consiliare

Operazione The band, Erika Marco deve dimettersi

Conservatorio Bellini di Catania, 38 indagati, 23 arrestati. Coinvolta la famiglia di una consigliera comunale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.