È morto Paolo Villaggio

luglio 3, 2017

Non era solo il ragioniere Ugo. Era Paolo Villaggio, ed è morto questa mattina a ottantaquattro anni.
Era un uomo di enorme cultura. Un uomo brillante capace di raccontare i disagi psicologici di una società devota al consumismo, con la sua comicità, la capacità di rivelare nella finzione verità sociologiche, ha narrato – attraverso i suoi personaggi – i vizi e i difetti dell’uomo – e della donna – con un sarcasmo originale, crudele e molto spesso tagliente. Aveva recitato con Fellini, Olmi e Monicelli, ottenendo premi prestigiosi, con lui scompare un pezzo importante della comicità italiana, quella sofisticata che arriva al pubblico grazie a tematiche “popolari”.
Quell’autoironia che tutti noi dovremmo acquisire, in una società dove “ti rendi conto che Fantozzi lo sono diventati il 99% degli italiani”, come amava affermare Villaggio.

K.M

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.