Fiorello spegne le fiamme

luglio 11, 2017

 Scende nuovamente in campo per i messinesi in difficoltà, lo aveva già fatto per l’emergenza acqua, lo showman siciliano Rosario Fiorello, stavolta i terribili incendi che stanno assediando la città. Fiorello ha utilizzato Facebook per farsi portavoce dell’emergenza. “Parenti e amici mi hanno chiesto di parlarne, c’è bisogno di fare qualcosa immediatamente”, ha detto il presentatore siciliano in un video appello.

Ma l’emergenza incendi purtroppo non si ferma, infatti un nuovo incendio è divampato nei pressi della tangenziale ovest di Catania ha costretto l’Anas ha chiudere il tratto compreso tra gli svincoli di Zia Lisa e Asse dei Servizi. I veicoli provenienti da Messina dovranno uscire dall’autostrada allo svincolo Zia Lisa; quelli provenienti da Siracusa allo svincolo dell’Asse dei Servizi. Sul posto sono presenti le squadre dei Vigili del Fuoco e dell’Anas per gestire il traffico provvisoriamente deviato su strade locali. Ancora vasti fronti di fuoco anche nelle province di Enna, Messina e Trapani. Dall’alba di oggi a San Vito Lo Capo ed Enna i canadair hanno ripreso a effettuare i lanci d’acqua, ma uno dei mezzi aerei ha lasciato il trapanese per intervenire a Messina dove ha ripreso vigore l’incendio su monte Ciccia.
Nella nottata è stata riaperta l’autostrada A19 Palermo-Catania – chiusa da Caltanissetta a Enna in entrambi i sensi di marcia – ma la situazione a Enna rimane difficilissima. Ancora sospesa, invece, la circolazione ferroviaria fra Villarosa e Enna, sulla linea Catania-Fiumetorto-Palermo, per il danneggiamento di alcune traverse in legno a seguito di un incendio divampato nei pressi dei binari. Tra Caltanissetta Xirbi ed Enna istituito servizio sostitutivo con autobus Palermo.
Numerose le evacuazioni di abitazioni e aziende: per tutta la notte corpo forestale e vigili del fuoco hanno lavorato per evitare che il fronte, ampio una decina di chilometri, raggiungesse un deposito di carburanti. Al momento l’emergenza si è spostata dalle pendici di Enna a quelle della vicina Calascibetta. La vallata di Scaldaferro, tra Enna e Calascibetta, area sottoposta al vincolo paesaggistico, è in cenere, con abitazioni, aziende e capannoni; greggi e animali selvatici morti tra le fiamme e linee elettriche e telefoniche gravemente danneggiate. Durante l’incendio i vigili del fuoco, forestale, i carabinieri, polizia hanno soccorso e salvato decine di persone rimaste intrappolate.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.