I sogni, le idee e le ambizioni del “drago di carta”

agosto 7, 2017

Simone Pozzati  torna a raccontarci storie speciali: esce per Augh! Edizioni nella collana Giovani Orme la favola Il drago di carta illustrata da Valeria Cerilli. Tra matite colorate, clessidre mangiapolvere e una sirena appassionata di moda, Pozzati e Cerilli inventano una storia volta a far riflettere sul valore dei sogni e su come certe idee necessitino di un periodo di incubazione affinché possano poi diventare vere e proprie imprese. Metafora del percorso di maturazione di ogni artista, diviso tra la quotidianità della vita e la propria passione.

Ne Il drago di carta una ragazza dai capelli corallo sogna l’amicizia tra Jim e Graf, un drago di grafite che vive confinato in un foglio di carta. Graf è un’immagine esigente, ha paura di sbiadire, chiede colore e nuove forme al suo amico, vuole un castello dorato dove riposare e magari diventare di plastica come i soldatini che non ridono mai. Certe idee coltivate nel tempo diventano di tutti, questo Jim lo scopre ormai adulto, quando la sua idea di carta sfugge al controllo delle sue mani.

“«Ho paura di sbiadire via. Come le nuvole passano e si dissolvono. Vorrei un po’ di colore, se per te va bene».
 Il bambino accontentò il suo amico e quel pomeriggio, non avendo compiti, diede al drago un po’ di verde per le squame e un tocco di marrone per completare alcune zone. Arancione per la stramba criniera e nero di Marte per gli occhi. Bob sfruttando il pomeriggio libero dell’amico chiese ancora: «Fammi una casa, un castello, sarà il mio rifugio. Avrò un po’ meno paura».
 Jim aveva ancora tempo prima della cena, allora disegnò all’amico un enorme castello dorato.
 «Ora mi sento più sicuro».”

Simone Pozzati è scrittore e autore di canzoni. I suoi racconti sono presenti in diverse antologie. Tra le ultime, Del giorno e della notte – IV antologia di racconti del XXI secolo dedicata alla memoria di Franca Rame. Con Diamond Editrice ha pubblicato Labbra Blu, raccolta di storie che rievocano le cantiche di Dante adottata come libro di testo nelle scuole del Lazio. Valeria Cerilli, laureata in Architettura, è illustratrice freelance e collabora da diversi anni con Diamond Editrice come consulente grafica.

A proposito de Il drago di carta Simone Pozzati ha dichiarato: “Questa per me è stata la favola delle idee coltivate, come gocce di rugiada. Mi sono divertito a scriverla, avevo bisogno di affrontare tematiche meno cupe dopo gli ultimi due libri. Avevo necessità di distillare un po’ di buon umore. Ho voluto narrare, sotto forma di metafora, la fede necessaria per realizzare il proprio disegno di vita. Graf vive in ognuno di noi”.

One Comment

  1. Maria

    agosto 13, 2017 at 1:07 pm

    Condividere poi, in questo clima esclusivo, idee, sogni e ambizioni insieme a piu persone per il bene e la crescita collettiva, e un obiettivo quotidiano che mi pongo e porto avanti da tempo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.