In Sicilia il petrolio si cerca con le bombe

maggio 14, 2017

 

 

 

CATANIA – “Raccogliamo l’allarme lanciato dall’eurodeputato on. Ignazio Corrao circa l’esistenza di un progetto di Eni che prevederebbe la  prospezione geofisica 2D per la ricerca di idrocarburi con l’utilizzo di cariche esplosive da 10 kg e per un numero imprecisato, da far brillare in fori profondi fino a 30 metri per centinaia di chilometri quadrati. Preannunciamo fin da ora che siamo pronti a fare le barricate affinchè non si ponga in essere questo folle progetto che espone la Sicilia a rischio di ulteriori inquinamenti e a rischio di effetti sismici devastanti”. Lo afferma in una nota l’associazione dei consumatori CODICI – Centro per i diritti del cittadino- Sicilia. Secondo il CODICI infatti questo progetto non è altro che “ l’ennesimo stupro perpetrato in danno del territorio siciliano da parte di Eni, come se non bastasse quanto già fatto in questi anni con le industrie del Petrolchimico e con le malattia ad esse collegate. Ciò che però è ancora più inquietante è il silenzio assordante del Governo Regionale e del Parlamento Siciliano, piegato ancora una volta agli interessi delle lobby del petrolio. Per questa ragione – conclude il CODICI –metteremo in atto tutti gli strumenti previsti dalla legge per fermare questo scempio”

 

One Comment

  1. Carlo Barbieri

    maggio 19, 2017 at 8:48 pm

    Da quando esistono le prospezioni petrolifere, le cariche a bassa potenza hanno fatto parte delle tecniche di ricerca. Sempre e dappertutto. Pensare che cariche da 10 kg possano innescare sismi è decisamente ridicolo per chi conosce l’argomento, e offensivo per l’intelligenza delle persone che si cerca di convincere raccontando sciocchezze. Il punto vero è un altro: cercare il petrolio sì o no? Su questo ognuno si può schierare come crede. Ma per favore, chi è contrario si appoggi ad argomenti seri – come la modifica del paesaggio ed eventuali inquinamenti dovuti alla trasformazione del greggio, come avvenuto ad Augusta/Priolo, Gela e Milazzo. Non c’è bisogno di usare argomenti stiracchiati e confezionati per catturare il consenso a qualsiasi costo. Non è necessario, per convincere, raccontare frottole. Gli argomenti ci sono già, e le frottole li mortificano.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.