Migranti, Nino Musca smentisce il collega di Castell’Umberto

luglio 17, 2017

Il primo cittadino di Sinagra, comune nel cui territorio si trova l’albergo in cui sabato sono stati trasferiti 50 migranti, Nino Musca, smentisce le dichiarazioni del sindaco di Castell’Umberto, Vincenzo Lionetto. “Non c’è alcun presidio davanti all’hotel Canguro. Anzi non c’è stato da quando è stato fatto entrare il gruppo elettrogeno per fornire la luce alla struttura, da sabato sera, quindi”.
“Né sindaci, né cittadini stanno protestando davanti all’hotel”, prosegue aggiungendo: “Sono entrato nella struttura e ho incontrato i migranti per vedere come stavano: sono giovani tra i 20 e i 30 anni”. Ieri, peraltro, i ragazzi di un’associazione della zona hanno affisso davanti all’albergo bandiere della pace e striscioni di benvenuto per i migranti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.