Militello in Val di Catania, Cantarella: “Il mio incarico all’insegna della trasparenza e dell’efficienza”

luglio 13, 2017

 

 

MILITELLO IN VAL DI CATANIA – Riportiamo il testo dell’intervento  di Gino Cantarella, letto in aula, subito dopo l’elezione a presidente del Consiglio comunale. “Signor sindaco,  colleghi consiglieri, non riesco a nascondere il comprensibile sentimento di emozione, che provo ora che mi avete chiamato a ricoprire una così alta carica quale quello di presidente del Consiglio comunale. Ė un impegno che certamente mi gratifica e che assumo con grande senso di responsabilità e spirito di servizio. Ringrazio il sindaco e i consiglieri comunali che mi hanno espresso la loro fiducia e con pari sincerità quelli che non lo hanno fatto per ovvi e più che naturali motivi di natura politica. Un ringraziamento doveroso va alla cittadinanza di Militello  che, alle scorse elezioni, ha voluto premiare la coalizione di centro-sinistra alla quale mi onoro di appartenere. Al signor sindaco on. dottore  Giovanni Burtone va il mio saluto, non solo doveroso in quando istituzionale, ma altresì affettuoso e sentito. A lui, dal mio nuovo ruolo istituzionale, auguro di proseguire con lo impegno, la stessa volontà e il medesimo amore per i cittadini di Militello, che lo hanno portato ad assumere l’incarico di sindaco del nostro paese. Un ossequioso, quanto sentito e sincero saluto, intendo rivolgere alle forze dell’ordine e alle autorità religiose e alle autorità civile della nostra città con le quali mi impegno fin d’ora a collaborare fattivamente per garantire ai cittadini una presenza attiva delle istituzione. Saluto i dipendenti del Comune di Militello  e li ringrazio anticipatamente per la collaborazione che verranno prestare alle iniziative di questo Consiglio comunale. Colleghi consigliere, il mio sarà un mandato improntato alle necessità e alla volontà di garantire i diritti di tutti i membri del Consiglio comunale, tanto di opposizione, quanto di maggioranza. Per questo vi garantisco, pur essendo un uomo di parte, fortemente convinto della bontà dei valori che ispirano il mio impegno politico, ho tuttavia ben chiaro il primo dovere dell’alta carica istituzionale cui mi avete chiamato: è quello dell’imparzialità che sarà la mia linea direttrice, onde assicurare una democrazia dialettica tra consiglieri di maggioranza e di opposizione, consentendo a tutti l’attuazione delle prerogative attribuite a ciascun consigliere dello statuto, dalla legge e dal regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale. Nessuno dovrà sentirsi privato della possibilità di espletare al meglio, il proprio incarico, un ruolo importantissimo se si attuano bene gli strumenti di indirizzo e di controllo, che le norme conferiscono al Consiglio comunale. Colleghi consiglieri, dobbiamo riuscire, tutti assieme, a forgiare il carattere del Consiglio sull’impronta dell’efficienza e della trasparenza, perché laddove si inceppasse questo importante organo, direttamente rappresentativo della volontà dei cittadini, si scaverebbe un solco profondo tra politica e società. Ringrazio tutti per l’attenzione con cui mi avete ascoltato e giunga ai consiglieri qui presenti, in particolare modo a chi è al suo primo mandato, al signor  sindaco e agli assessori un sincero augurio di buon lavoro”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.