Le grandi manovre, con precisazioni

marzo 29, 2017

Riceviamo e pubblichiamo.

MISTERBIANCO – Egregio Direttore, Le chiedo ospitalità all’interno del giornale on-line da Lei diretto per esternare qualche considerazione sulle prossime elezioni amministrative a Misterbianco. La politica, che bellezza!!! Si apre a Misterbianco, così come in altri comuni siciliani, il valzer delle candidature per l’elezione della nuova amministrazione che si svolgeranno, se confermato, il prossimo 11 giugno. Cerchiamo di mettere ordine, ad un mese dalle presentazioni, sulle candidature a sindaco e le forze in campo per il rinnovo del consiglio comunale. In atto abbiamo 4 candidature a sindaco già ufficializzate, esse sono: il sindaco uscente Dott. Di Guardo, il suo ex vice-sindaco Sig. Marco Corsaro, l’esponente del movimento 5 stelle Sig. Di Stefano per il quale si aspetta il placet del garante Grillo e la Prof. Buzzanca per il centro-destra così come si è presentata qualche giorno fa in conferenza stampa. Andiamo per ordine. Sulla candidatura di Di Guardo, dato per spacciato fino a qualche settimana fa, cominciano a confluire alcune liste facenti capo ai “PATROZZI” catanesi, uno su tutti l’On. Sammartino che pare abbia offerto al Di Guardo non meno di tre liste i cui referenti locali sono Carmelo Santapaola, Matteo Marchese (oppositore convinto, fine ed intelligente, fino a metà febbraio) ed altri. Non disdegna, il Di Guardo, l’accordo con l’On. Lombardo il cui referente risponde al nome di Benedetto L’Acqua, fino a l’altro ieri oppositore acerrimo del sindaco uscente. A chiudere il corollario di liste a supporto di Di Guardo annoveriamo almeno tre liste civiche. Il dato politico più eclatante è che, al momento, il PD (partito del quale il sindaco risulta tesserato) non schiererà alcuna lista col simbolo ufficiale nazionale. A conti fatti, quindi, il Di Guardo potrebbe contare, ad oggi, su almeno 7 liste. Il numero resta in continuo accrescimento. Per quanto riguarda il candidato Marco Corsaro (vice-sindaco dell’attuale amministrazione fino a tre mesi fa, circa), tutto è in itinere. Di fatto c’è l’ufficializzazione di due candidati di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale all’interno di una lista quasi interamente formata da candidati provenienti dalle frazioni. In atto si contano sei liste a sostegno del Corsaro. Il candidato Di Stefano del Movimento 5 stelle ha a suo sostegno la sola lista del movimento. Resta il nodo da sciogliere attorno alla candidatura della Buzzanca che ha già ufficializzato la propria candidatura con una conferenza stampa tenutasi qualche giorno fa. Proprio in quell’occasione La Prof Buzzanca ha fortemente stigmatizzato il fatto di non avere al proprio fianco la lista di Forza Italia, di fatto il partito di Berlusconi non ha ancora dato il “placet” e quindi si è verificata semplicemente una corsa in avanti per anticipare gli eventi. Allo stato attuale la candidatura della Buzzanca appare sostenuta da due liste civiche di cui una facente riferimento a “Noi con Salvini” e fortemente sponsorizzata dal Sindaco di Motta S. Anastasia Sig. Anastasio Carrà. Appare chiaro che il solo candidato “vergine” sia quello del Movimento 5 Stelle, per gli altri vanno fatte delle considerazioni. Di Guardo difenderà il proprio operato e forte della propria esperienza quarantennale che lo ha visto sedere sui banchi del Consiglio Provinciale nonché su quelli regionali e forte dell’appoggio di un numero cospicuo di liste, al momento, viaggia col vento in poppa. Il Corsaro è l’outsider ma deve spiegare agli elettori il suo percorso politico di questi ultimi 5 anni, partendo da consigliere di opposizione, salire le scale per approdare in giunta con la carica di vice-sindaco per poi tornare sui suoi passi ed adesso contrapporsi al suo compagno di viaggio il sindaco Di Guardo. Il compito più arduo sarà convincere l’elettore della bontà del suo “strabismo” politico. Infine La Buzzanca che nel 2012, con una lista civica, ha appoggiato il Di Guardo contribuendo alla sua elezione, dopo 4 anni di opposizione si contrappone allo stesso. In queste ore Forza Italia sta decidendo il da farsi, ossia: dare appoggio alla Buzzanca oppure schierare un proprio candidato (si vocifera che la scelta possa cadere sulla Dott.ssa Buffa o sul coordinatore comunale di Forza Italia Serafino Caruso, con l’appoggio di una propria lista nonché di una lista civica. Ancora silente l’ex Assessore Pellegrino col fido Galasso ma pare che il riavvicinamento al Di Guardo possa essere possibile. Appare chiaro che in questa tornata elettorale il Di Guardo sia al centro di tutti i sommovimenti politici. La politica che bellezza. Certo sarà interessante leggere i programmi e i nominativi dei candidati al consiglio comunale per avere un quadro più chiaro. Tutti stigmatizzeranno all’interno dei propri programmi le questioni P.R.G., abbassamento delle tasse, la riqualificazione della zona commerciale, il rilancio del carnevale tramite la creazione di una fondazione e, certamente non mancherà, l’attenzione nei riguardi delle frazioni. Chi sarà più credibile? Chi con la propria serietà morale ed onestà intellettual-politica?, oppure i voltagabbana? Chi vivrà vedrà. Certo è che la politica è bellezza… non sempre purezza.
Riservandomi di richederLe nuovi spazi all’interno del suo giornale non appena il quadro sarà più chiaro, ringraziandoLa per l’ospitalità che vorrà accordarmi, cordialmente saluto.
Nicola Abbadessa, Misterbianco

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.