Regionali, Pistorio si dimette, il candidato del Centrodestra viene dal Centrosinistra e Lagalla continua il suo tour

giugno 19, 2017

 

PALERMO –  L’assessore alle Infrastrutture della Regione Siciliana, Giovanni Pistorio, si è dimesso dall’incarico. A consegnare al segretario di Palazzo D’Orleans, Patrizia Monterosso, la lettera con cui ha rimesso il mandato è stato il segretario regionale dei Centristi per l’Europa, Adriano Frinchi. Stamattina Pistorio lo ha incontrato per consegnargli la lettera, come annunciato venerdì scorso.
“Le mie dimissioni – ha spiegato Pistorio – sono la conseguenza diretta e convinta della scelta della mia formazione politica di uscire dalla maggioranza di governo che sostiene il governatore Crocetta”. Sulla decisione dell’altro assessore dei ‘centristi’, Carmencita Mangano, con delega alla Famiglia, Pistorio ha sottolineato: “la mia è una scelta politica per un’esperienza che si chiude, la Mangano è un assessore tecnico, e le valutazioni sono diverse”.

E, intanto, si delinea a mezza parole e ammiccamenti quello che potrebbe essere il candidato del così detto Centrodestra, che – non a caso – proviene dal Centrosinistra. Sul nome dell’europarlamentare Giovanni La Via, infatti, ci sarebbe anche l’ok sofferto di Gianfranco Miccichè. “Alfano e Castiglione ci hanno traditi e non mi piacciono, ma mi piace qualcuno del loro ambiente….”, ha dichiarato il coordinatore regionale di Forza Italia al quale – forse – sfugge il fatto che Alfano e Castiglione fanno parte del Governo Gentiloni e per restare in maggioranza sono passati – senza esitazioni – da una sponda all’altra. A Miccichè sfugge anche – impegnato com’è nelle consultazioni – che Alternativa popolare, erede del Nuovo centro destra partorito da Alfano e Castiglione – fino ad oggi fa parte della Giunta Crocetta che è di Centrosinistra. Inutile sottolineare, infine, che Giovanni La Via è un fedelissimo di Alfano-Firrarello-Castiglione grazie ai quali ha ricoperto diversi incarichi istituzionali a vari livelli, da assessore regionale nel Governo Lombardo a Parlamentare Europeo. E, ma la nostra è solo una supposizione, la presenza mediatica dell’on. la Via in questi ultimi mesi, seppure sempre da europarlamentare, non sarebbe casuale.

Insomma, Miccichè dopo aver appoggiato un candidato di Centrosinistra per il Comune di Palermo, con i risultati noti, sarebbe tentato di concedere il bis alle Regionali.

Sul fronte del Centrosinistra “Per le prossime regionali l’unica coalizione possibile, perché vincente e innovativa è quella tra moderati e Pd”. Lo afferma il coordinatore nazionale dei Centristi per l’Europa, Gianpiero D’Alia in un’intervista a ‘La Sicilia, pubblicata questa mattina.  L’ex ministro, ricordando il recente successo di Leoluca Orlando a Palermo, spiega: “La lezione di Palermo è che quando moderati e progressisti si mettono insieme su un programma e un candidato credibili si vince perché gli elettori non hanno bisogno di esercitare un voto di protesta”.

Roberto Lagalla interviene sull’attuale situazione del governo regionale, mentre prosegue il suo percorso attraverso i territori con movimento Idea Sicilia.

Anche il candidato Roberto Lagalla interviene: “Tra l’aspettativa di eventuali candidature istituzionali, folgoranti riconversioni civiche e burlesche crisi di governo – dichiara Lagalla – si continua a guardare alle prossime elezioni siciliane secondo l’asfittico e logorato copione dell’affannosa ricerca dei nomi e della costruzione aritmetica di possibili alleanze elettorali. I Centristi prendono finalmente atto del drammatico nulla nel quale si dibatte, a fine corsa, il governo Crocetta e si dissociano da esso prendendo tardive distanze dal clamoroso flop politico di questa legislatura, ormai al tramonto. Se l’allontanamento di forze politiche moderate dall’attuale governo regionale merita inevitabile attenzione, se assistito da sincera volontà di cambiamento, è pur vero che, sullo sfondo, resta una Sicilia immiserita e dimenticata da una politica sfibrata che i Siciliani sentono lontana ed estranea.

 E  spiega: “In questo confuso contesto, proseguo, con Idea Sicilia e nei più diversi territori della regione, incontri ed interlocuzioni con le donne, gli uomini e i giovani delle nostre comunità per restituire loro speranza nel futuro e per generare dal basso un programma di concrete prospettive di sviluppo, che ci impegneremo a mettere al centro della nostra attiva presenza politica alle prossime elezioni regionali.

D.L.P.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.