Ma i sindaci sanno che è iniziata la stagione delle piogge?

settembre 11, 2017

 

Daniele Lo Porto

CATANIA – Esattamente un anno fa qualche ora di pioggia provocava allagamento, disagi e danni soprattutto nel centro storico di Catania, ma anche in altre parti della città.  L’immagine è eloquente, non sono necessari commenti. Si registrò il solito ping pong di accuse e di giustificazioni, più o meno condivisibili. Le “bombe d’acqua” sono ormai una costante, proprio ieri a Livorno come a Roma e in tante altre città del centronord se ne sono accorti, con l’immancabile  bilancio di vittime umane. Nell’impossibilità di modificare le caratteristiche delle piogge le città soprattutto dovrebbero adeguarsi al meglio per prevenire le conseguenze gravissime per tutti i cittadini e per coloro che devono spostarsi per motivi di lavoro anche fuori dall’isola. Ieri, a causa delle condizioni meteo in altre città, ad esempio, con gli aeroporti allagati, alcuni voli da e per Catania sono stati soppressi, con disagi facilmente immaginabili.

Ci chiediamo, ma la domanda è retorica perché non ci sembra di aver visto operai all’opera: il Comune di Catania, ma anche i sindaci delle altre città, più o meno grandi, soprattutto quelle a rischio idrogeologico, si sono attivati per pulire caditoie e scarichi di acque  in modo da consentire un adeguato smaltimento delle piogge? E, a Catania, com’è la situazione alla Zona industriale che durante tutto l’anno subisce il fuoco e l’acqua come elementi di rischio continuo? I canali di scolo  sono stati puliti o sono ostruiti da spazzatura e vegetazione spontanea?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito si serve dei cookie per l’erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l’analisi del traffico. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.