Per il Catania a Potenza sconfitta meritata, contro il Siracusa bisogna riscattarsi subito

novembre 5, 2018

Daniele Lo Porto

CATANIA – Le avvisaglie c’erano state tutte nelle precedenti partite anche se concluse con quattro vittorie e due pareggi: la difesa deve ancora essere registrata adeguatamente. Troppe battute a vuoto, errori dei singoli e di reparto, Pisseri spesso costretto a compiere miracoli dopo qualche intervento non impeccabile. La lezione impartita dal Potenza ci sta tutta, meritata e da analizzare fino in fondo. Una doccia gelata che fa capire alla squadra rossazzurra che non deve compiacersi di essere la favorita del girone, né che basta il nome e il blasone per essere promossa in Serie B. Sabato pomeriggio c’è stato un concorso di colpe e responsabilità da dividere tra campo e panchina: non si può andare sotto di due reti dopo neanche mezz’ora di gioco seppure contro una squadra in buona condizione, guidata da un buon tecnico, che ha impostato la partita com’era prevedibile che lo facesse.

Insomma, una sconfitta che si poteva evitare, ma dalla quale bisogna trarre insegnamenti utili per il futuro. Sicuramente Andrea Sottil ha analizzato i momenti clou dell’incontro in sala video per trarre indicazioni utili soprattutto in vista di un’altra partita tosta, mercoledì sera contro il Siracusa. Una battuta d’arresto che non compromette la corsa verso la testa della classifica, gli etnei devono recuperare ancora tre gare, ma che non lascia spazio a passi falsi al “Massimino” dove il Catania, in questo inizio a singhiozzo di stagione, ha ottenuto due vittorie in altrettante partite.

Una osservazione che si potrebbe fare riguarda l’eccessivo camaleontismo di questa squadra: Sottil cambia troppo spesso modulo e protagonisti per adattarli alle caratteristiche degli avversari. La causa della mancanza di continuità di prestazione e concentrazione, anche all’interno della stessa gara, potrebbe essere questa, al di là dell’oggettiva difficoltà di avere il giusto ritmo in un campionato che per le note vicende extracalcistiche è partito da subito in salita. Poi che qualche calciatore sia andato in confusione per debito di benzina e di ossigeno, Lovirc ad esempio, oppure Llama, che entra a partita in corso, e deve ancora migliorare la propria condizione atletica, sono solo alcune delle prevedibili conseguenze.

Dal Giornale di Sicilia

Potenza-Catania 3-1:

Marcatori: 12′ Franca, 25′ Strambelli, 38′ Biagianti; st 12′  Guaita 38′

POTENZA (4-3-3): Ioime; Coccia, Di Somma, Emerson, Giron; Matera, Guaita, Dettori; Strambelli (18′ st  Panico), Franca, Genchi. A disposizione: Mazzoleni, Breza, Caiazza, Sales, Fanelli, Piccinni, Coppola, Leveque, Matino. All.  Raffaele.

CATANIA (3-5-2): Pisseri; Aya, Silvestri, Lovric (1′ st  Calapai); Ciancio, Angiulli (14′ st  Llama), Lodi, Biagianti, Manneh (21′ st  Vassallo); Marotta (21 st ‘ Brodic), Curiale. A disposizione: Pulidori, Esposito, Scaglia, A. Rizzo, Bucolo, Baraye, Mujkic. Allenatore:  Sottil.

ARBITRO: Marchetti di Ostia

NOTE: ammoniti Ciancio, Matera

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *