Dopo lo stop alla cava SiciliAntica rilancia: un Parco archeologico a Monte Scalpello

gennaio 24, 2019

 

 

 

CALTANISSETTA – L’Associazione SiciliAntica, presieduta da Simona Modeo, ha trasmesso alle istituzioni preposte un’istanza per richiedere il riconoscimento dell’interesse archeologico di Monte Scalpello – Contrada Santa Nicolella; del vincolo diretto sui resti ubicati sul pianoro sommitale del monte e sulle strutture di recente individuate ad est della cava denominata Santa Nicolella; del vincolo etnoantropologico per una postazione di avvistamento tedesca, testimoniata dai ruderi di un edificio utilizzato come polveriera e bombardato nel 1943 sul pianoro sommitale del monte; l’Istituzione del Parco Archeologico e naturalistico di Monte Scalpello con la creazione di percorsi e itinerari ad hoc che ne consentano la fruizione a turisti e visitatori occasionali. Il riconoscimento di tali vincoli e, soprattutto, l’istituzione del Parco archeologico e naturalistico si rendono infatti necessari per tutelare Monte Scalpello e la contigua contrada Santa Nicolella da demolizioni, costruzioni, trasformazioni o forme di rimaneggiamenti che ne cambierebbero il suo stato, unico per morfologia, storia e caratteri ambientali. Al riguardo va ricordato che di recente questo sito ha rischiato di essere irrimediabilmente distrutto dall’apertura di una cava di calcare da parte dell’azienda trevigiana Fassa Bortolo, grazie alle autorizzazioni concesse dall’amministrazione regionale e che soltanto SiciliAntica ha lottato e ha vinto per evitare l’ennesimo scempio ai danni del nostro patrimonio culturale e naturalistico. Ci auguriamo pertanto che gli organi competenti accolgano la nostra richiesta per evitare che si ripetano altri episodi del genere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *