Differenziata, scattano i controlli per famiglie ed esercizi commerciali


 
 
 

SANTA MARIA DI LICODIA – La pulizia della città e la raccolta differenziata dei rifiuti hanno bisogno della collaborazione dei cittadini: questo il tema della conferenza stampa  a Palazzo Municipale presenti il sindaco, gli assessori Antonio La Delfa, Mirella Rizzo, Gaetano Distefano, il presidente del Consiglio Giovanni Buttò, i Consiglieri Gabriele Gurgone, Pina Massara e l’agente della Polizia municipale Antonio Carbonaro. Oltre alle attività informative per evitare l’errato inserimento delle singole tipologie di rifiuti, l’Amministrazione e il Consiglio Comunale di Santa Maria di Licodia intendono intensificare le attività di controllo e di sanzione dei comportamenti scorretti. “I dati del mese di dicembre sono allarmanti – dichiara Salvatore Mastroianni, sindaco del centro licodiese – in quanto solo nel mese di dicembre abbiamo raggiunto 34 tonnellate di indifferenziata, con costi spropositati per le casse comunali. Pertanto, da questo momento, intendiamo intraprendere attività di controllo su tutto il territorio urbano, sia per le singole famiglie che per gli esercizi commerciali, applicando, se sarà il caso, sanzioni a coloro che non rispettano il decoro della città”. La normativa sulla raccolta differenziata prevede, infatti, precise sanzioni per l’errato conferimento dei rifiuti, con importi stabiliti in base al tipo di infrazione.

Sacchetti della spazzatura nel mirino, quindi, e nelle mani dei vigili urbani a Santa Maria di Licodia, che andranno a caccia di trasgressori delle norme sul corretto smaltimento dei rifiuti. In seguito a controlli effettuati precedentemente, si è riscontrato che i “furbetti” della raccolta differenziata preferiscono buttare l’immondizia solo nei giorni di ritiro dell’indifferenziato, infilando nei bustoni neri ogni tipologia di rifiuti, nonostante i vari avvisi emessi, anche negli anni scorsi, dall’Amministrazione Comunale.

Così, nel corso dei servizi di monitoraggio della raccolta differenziata, organizzata con il sistema del ritiro porta a porta dei rifiuti, i vigili indosseranno i guanti e verificheranno se nella spazzatura lasciata sotto casa, i cittadini si siano attenuti al conferimento, così come previsto dal calendario della società di igiene urbana “Progitec”.

“È nostra intenzione riuscire a raggiungere il 65-70% sulla raccolta differenziata – prosegue il primo cittadino – in modo da poter accedere all’Ecobonus, così come previsto dalla legge, (punti introdotti dall’amministrazione comunale per premiare chi si impegna realmente a fare la differenziata). Invitiamo, dunque, tutta la cittadinanza, ad avere una sensibilità maggiore verso il sistema di raccolta differenziata, perché da questo momento tutto sarà attenzionato con controlli continui e assidui”. “Il sistema di calcolo sul presunto della produzione rifiuti annuale, può essere cambiato – ha dichiarato l’assessore Antonio La Delfa -, per andare verso metodologie sempre più precise basate sulla quantità reale dei rifiuti prodotta da ciascun nucleo familiare ed abbattere i costi del compostaggio. Le sanzioni, saranno applicate anche alla ditta, qualora gli addetti non provvedano ad attenzionare i rifiuti”.

“È una battaglia che stiamo intraprendendo – sottolinea il consigliere Gabriele Gurgone -, anche per rispetto di quei cittadini virtuosi che si impegnano giornalmente nel selezionare e differenziare ogni tipologia di rifiuto, messaggio che intendiamo far passare come prioritario di un’azione di riguardo per tutto il territorio. L’obiettivo di una raccolta differenziata è raggiungere il 70%. A questo si può pervenire con la responsabilità e la partecipazione di ogni cittadinonell’attuazione di quei comportamenti “virtuosi”, e del senso civico che consentono la riduzione dei rifiuti, il riutilizzo ed il riciclo di ciò che non ci serve più”.

 

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *