Archeologia: Monte Scalpello sarà "bombardato", tutto ok per la Regione


 
 
 

AGIRA – SiciliAntica replica alle dichiarazioni rilasciate dal Direttore Generale del Dipartimento Regionale dell’Energia, Salvatore D’Urso, nel corso di un servizio trasmesso ieri dal TgR Sicilia delle 19,35. Il Dirigente Regionale ha infatti dichiarato che in merito all’apertura di una cava di calcare a Monte Scalpello “mai la Soprintendenza ha posto problematiche di natura paesaggistica”, ammettendo dunque implicitamente di ignorare che tutto il sito è sottoposto a vincolo paesaggistico dal lontano 1998. Ciò significa che l’autorizzazione per l’apertura della cava è stata erroneamente rilasciata alla società trevigiana Fassa Bortolo e deve quindi essere immediatamente revocata. “SiciliAntica non condivide inoltre l’inquietante dichiarazione di D’Urso – ha dichiarato la presidente regionale, Simona Modeo – sull’uso di cariche esplosive per l’estrazione della pietra che, a suo dire, non causeranno alcun danno”.


 

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *