“Archeologia del Cinema 2022”, a cura di “ASCinema- Archivio Siciliano del Cinema”

“Archeologia del Cinema 2022”, a cura di “ASCinema- Archivio Siciliano del Cinema”

PALERMO – Proseguono le attività di promozione e valorizzazione dei materiali cinematografici cartacei e audiovisivi, con il sostegno della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura, a cura di “ASCinema – Archivio Siciliano del Cinema”, che ha pubblicato il catalogo “Archeologia del Cinema 2022”. “Si tratta – spiega il direttore Antonio La Torre Giordano, autore, tra l’altro, della recente opera “Beati Paoli Archives. Cinema e media” – dell’annuario delle opere di critica cinematografica realizzate e della raccolta dei materiali cinematografici museali, acquisiti e catalogati”.

“Archeologia del Cinema 2022” è un’iniziativa volta ad accendere i riflettori sulla cultura cinematografica attraverso l’acquisizione, l’archiviazione, la conservazione, la catalogazione, la digitalizzazione, lo studio, la ricerca e la promozione di documenti audiovisivi, cartacei e museali. Un’azione divulgativa che si inserisce nell’ambito del progetto di accrescimento del patrimonio cinematografico che “ASCinema”, riconosciuto bene culturale di interesse nazionale con un decreto ministeriale nel 2020, porta avanti su diversi fronti.

Uno dei più significativi è, appunto, l’attività cinetecaria, incrementata dall’internazionalizzazione del settore e dalla promozione dell’immagine del patrimonio cinematografico italiano. Non a caso, una sezione del catalogo è dedicata ai cimeli museali acquisiti nel 2022 e immessi nel patrimonio dell’archivio siciliano del cinema: lanterne magiche, proiettori, zootropi, fenachitoscopi, stereoscopi, kinetoscopi, taumatropi e prassinoscopi, per citarne solo alcuni.

L’altra, invece, riguarda le opere pubblicate dallo stesso Antonio La Torre Giordano, storico del cinema e critico cinematografico, nell’ambito del progetto: “Cinema protogiallo italiano. Da Torino alla Sicilia, nascita di un genere”, “Il testamento fantastico. Cinema espressionista tedesco 1913-1935” e, appunto, “Beati Paoli Archive. Cinema e media”. Chi volesse visionare il catalogo, potrà farlo online su https://youtu.be/vz_OEyGYBBo.

Chi, invece, desidera ricevere gratuitamente una copia cartacea, può farne richiesta agli indirizzi info@as-cinema.com e as-cinema@pec.com.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *