L'arte della falconeria tra le lave dell'Etna

L'arte della falconeria tra le lave dell'Etna

BELPASSO – Una intensa attività culturale e artistica dal 2016 e una scuola di falconeria con quattro stupendi esemplari, che presto diventeranno nove. L’Associazione sportiva dilettantistica “Nocte tempore” coinvolge quasi 50 soci sul territorio, impegnati nei gruppi di sbandieratori e tamburisti, nella scherma storica  e nel gruppo che con splendidi costumi rievoca il periodo di Eleonora d’Angiò, specializzato in canti popolari medievali e, in generale, dei canti popolari siciliani. Una realtà importante, dal punto di vista culturale, artistico, ambientale che il sindaco Daniele Motta ha ricevuto in Municipio. Pierpaolo Farace, Antonio Piana e Melinda Silvano, rispettivamente presidente, tesoriere e segretaria si sono presentati accompagnati da un esemplare di gufo reale, di nome Nocte, e da un codarossa chiamato “Zefiro”. Nelle voliere dei falconieri di “Zefiros” sono ospitati anche un falco di Harris e un falco pellegrino, tutti esemplari che si adattano perfettamente al clima siciliano.

“L’associazione “Nocte tempore” svolge, con passione e professionalità, una meritoria attività di aggregazione culturale e di diffusione della cultura ambientalista perché allevare,  custodire e far conoscere rapaci è senza dubbio un compito impegnativo, che richiede specifiche competenze e un grande amore che viene trasmesso a chi si avvicina, da neofita, a questa realtà – ha dichiarato il sindaco Daniele Motta -. L’associazione “Nocte tempore” rappresenta, inoltre, per i  giovani l’ opportunità di impegnare proficuamente il proprio tempo libero”.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *