Biancavilla, Coronavirus: proposte fase 2 del presidente del consiglio Cantarella al sindaco

Biancavilla, Coronavirus: proposte fase 2 del presidente del consiglio Cantarella al sindaco

In vista della Fase 2 nell’ambito dell’emergenza Coronavirus, che inizierà il 4 maggio, il Presidente del consiglio comunale di Biancavilla Marco Cantarella ha inoltrato nei giorni scorsi  una missiva al sindaco Antonio Bonanno. Le proposte segnalate sono scaturite dal confronto del consigliere con alcuni cittadini biancavillesi. Nella missiva si legge:

“In data 21 Aprile ho inoltrato una missiva al Sindaco Bonanno all’interno della quale erano presenti varie proposte e suggerimenti, scaturiti del continuo confronto con i cittadini, da prendere in considerazione per la fase emergenziale e soprattutto per preparare la cosiddetta fase 2.
Le proposte riguardano diversi punti:
Dal porre attenzione alla categoria dei cassa integrati, i quali vivono in un nucleo familiare senza altri redditi, al rinnovo del servizio gratuito di supporto psicologico, poi ancora, dal controllo sul territorio alla verifica ex-post delle domande assegnatarie delle misure di sostegno pubblico.

Con la notizia di oggi della donazione al Comune di 28 mila mascherine, che si aggiungono alle circa 16 mila già in possesso, sarà ancora più facile mettere in atto la proposta che personalmente ritengo forse la più importante tra tutte:

Distribuire gratuitamente alcune mascherine per ogni nucleo familiare e rendere obbligatorio l’uso della mascherina al di fuori della propria residenza o del proprio domicilio.

Ciò garantirebbe una maggiore sicurezza per tutti i biancavillesi costretti ad uscire e faciliterebbe il compito di controllo dei vigili urbani, che potrà concentrarsi sul far rispettare un unico semplice obbligo: quello di indossare la mascherina fuori di casa.

In considerazione del più celere superamento dell’emergenza della Sicilia e dall’evidenza dei dati incoraggianti che riguardano il nostro comune, ritengo inoltre auspicabile lavorare sulla riapertura del cimitero (magari contigentando gli ingressi) e degli esercizi commerciali (come barbieri, parrucchieri ecc) che possono esercitare la loro attività utilizzando un sistema di prenotazione, tale da scongiurare gli assembramenti.

Consapevole che è necessario il supporto e l’apporto di tutti, sarà imprescindibile il coinvolgimento preventivo dell’organo del Consiglio Comunale per le azioni da attuare nella fase 2, certo che dal confronto tra tutte le forze politiche potranno emergere altre proposte e suggerimenti utili ad affrontare e a facilitare il superamento di questa emergenza”.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *