Calcio Catania, Curiale e Pisseri i numeri 1 (1 e 2) della stagione

giugno 14, 2018

 

 

 

Daniele Lo Porto

CATANIA – Matteo Pisseri e Davis Curiale, il paratutto e lo sfondareti, numeri 12 e 11 di maglia. Il loro destino per la prossima stagione è ancora tutto da scrivere, ma ci sono buone possibilità che entrambi possano far parte dell’organico con il quale nella prossima stagione il club di Torre del grifo proverà, con ancora maggiore decisione, la corsa verso la Serie B. Entrambi sono stati protagonisti di un ottimo campionato, pur con qualche fase di minor rendimento, ma nel complesso sono stati sicuramente tra i migliori rossazzurri. Pisseri, al suo secondo campionato in rossazzurro, ha ulteriormente confermato le credenziali con per le quali era stato ingaggiato. In terza serie è sicuramente uno dei migliori e potrebbe ben figurare anche in una categoria superiore. L’anno trascorso affidato alle cure di Marco Onorati lo ha fatto ulteriormente crescere e la sua età, 27 anni, lascia presupporre che possa dimostrare ulteriori miglioramenti. Ha contributo in modo determinante affinchè la sua porta fosse la meno tra le meno violate dei tre gironi ed è rimasto imbattuto in ben 18 gare. A metà del girone di ritorno è stato meno brillante in due-tre gare, ma la sua posizione non è mai stata messa in discussione. Che la società abbia ancora piena fiducia in lui lo ha dimostrato lo stesso Pietro Lo Monaco che lo ha abbondantemente assolto per l’errore, purtroppo decisivo, commesso nella gara d’andata, in trasferta, contro il Siena, quando ha sbagliato il tempo per l’uscita alta su un cross non impossibile favorendo il colpo di testa del cinico Marotta. Probabilmente nelle prossime settimane si potranno delineare due possibilità: o il prolungamento del contratto, in scadenza nel prossimo giugno, o la cessione in caso di un’offerta adeguata, ma a quel punto bisognerà trovare subito il sostituto perché il buon Miguel Angel Martinez, dopo due stagioni da secondo e appena una breve opportunità, nell’ultima di campionato, di sporcarsi i guantoni, andrà dove potrà giocare con maggiore continuità.

Se Pisseri i gol li ha evitato, chi invece li ha realizzati, e tanti, è stato Davis Curiale, che ha disputato la migliore stagione della sua carriera con 15 reti nella stagione regolare, uno nei play off, contro il Siena, al ritorno, e un altro in Coppa Italia. Nel conto ne andrebbero aggiunti almeno altri quattro, regolari, compreso quello realizzato al Massimino contro il Siena, annullati dai direttori di gara che in questa stagione si sono accaniti contro il Catania. Da evidenziare che Curiale ha giocato la fase finale della stagione limitato da un doloroso problema alla schiena che ne ha condizionato la preparazione in settimana e l’autonomia durante le partite.

“Oggi avrei voluto essere a Torre del grifo per prepararmi a quella finale che tutti meritavamo per ciò che si è visto sul campo tra andata e ritorno – ha scritto l’attaccante su un social per salutare i tifosi etnei -. Purtroppo gli episodi fanno gioire e fanno piangere…dispiace che per la quarta volta in stagione mi viene annullato un gol regolare che poteva cambiare il destino del match! Mi dispiace non aver portato il Catania in B, ma nella vita esistono anche le sconfitte, è dalle sconfitte che si cresce e si riparte….”. Parole che lasciano presupporre la volontà del calciatore di fare parte del prossimo progetto tecnico. Un’ultima annotazione: se certe a Lucarelli sono state contestate alcune scelte, bisogna anche riconoscergli il merito di aver favorita la grande stagione di Curiale.

Dal Giornale di Sicilia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *