Calcio Catania, Zè Turbo torna all'Inter, ma si pensa al Lecce


 
 
 
Daniele Lo Porto

CATANIA – Le belle speranze estive a volte  si infrangono sulle scadenze del calendario calcistico e gennaio è una di queste. Mese di verifiche, di promozioni e bocciature e tra i rimandati, non a settembre, ma a casa c’è Josè Correia, nella foto, detto Ze’ turbo, per la sua presunta velocità. La pagella rossazzurra lo ha bocciato impietosamente: 4 presenze in campionato, due in Coppa con una rete all’attivo. Venuto a Catania come giovane di belle speranze, ha saputo confermare solo l’età e non mantenere le aspettative. L’ultima chance il tecnico Cristiano Lucarelli gliela ha data nella partita contro il Sion, ma è stata un’altra carta giocata male sul tappeto verde del Massimino. Rescissione del contratto di prestito e rientro alla base di partenza, cioè l’Inter. Eppure l’ad. Pietro lo Monaco lo aveva presentato in estate come una possibile sorpresa, tanto che aveva chiesto l’opzione per riconfermarlo a fine stagione, ma il ragazzo ha avuto poco spazio e non è riuscito a mettersi in mostra. Anche nella partita di Coppa Italia che decretò l’eliminazione del Catania avrebbe dovuto e potuto fare di più.  Inutile, d’altronde, restare a Torre del grifo e sudare inutilmente: il pacchetto offensivo con l’arrivo di Caccavallo ha ampliato l’organico e alzato la qualità. Curiale, Ripa, Caccavallo, Russotto da qui a maggio non dovrebbero concedere spazio alle seconde linee e anche il futuro di Mattia Rossetti probabilmente non sarà in maglia rossazzurra.

Dopo l’operazione Caccavallo, conclusa in tempi brevi, sta diventando più complicata la trattativa che dovrebbe portare a Catania il centrocampista Jacopo Dall’Oglio. Il presidente del Brescia Cellino e il nuovo tecnico Boscaglia, ex Trapani, sembra che puntino sul calciatore, mentre Pasquale Marino, esonerato pochi giorni fa, aveva dato il nulla osta per la sua cessione. Il ragazzo milazzese è disponibilissimo di rientrare in Sicilia, ma bisognerà superare la volontà di Cellino che forse vuole solo aumentare la quotazione di Dall’Oglio. Lo Monaco nei giorni scorsi ha anche annunciato l’arrivo di altri atleti, almeno uno. Insomma, mercato aperto in entrata e uscita.

La squadra, intanto, ieri ha svolto, a Torre del Grifo, due sedute d’allenamento.  In mattinata, esercizi in palestra; nel pomeriggio, concluso il riscaldamento tecnico, il gruppo si è dedicato ad una sessione di lavoro a pressione ed infine ad una partitella su metà campo. Oggi rossazzurri in campo alle 14.30. Sotto osservazione capitan Marco Biagianti, che dovrebbe essere regolarmente in campo, dopo il riposo precauzionale contro il Sion, per un colpo all’occhio, e Andrea Russotto, reduce da un problema seri al tendine della coscia destra e assente dal campo da circa un mese. Ma, con la disponibilità di Giuseppe Caccavallo nel tridente offensivo, provato contro gli svizzeri, non ci sarebbe la necessità di rischiare un frettoloso rientro. Al “via del Mare” di Lecce, intanto si va verso il pienone. Lo Monaco ha prevista 20.000 tifosi giallorossi: cifra che non sarebbe distante da quella che sta maturando dalla prevendita. La sfida con il Catania ha il sapore dello scontro diretto e, in caso di vittoria, aumenterebbe considerevolmente le chance per i pugliesi di ottenere la promozione diretta.

Dal Giornale di Sicilia

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *