Fava: “La confisca della Geotrans è un duro colpo all’economia mafiosa”

agosto 8, 2019

CATANIA – “La confisca definitiva, sancita dalla Cassazione, delle aziende di autotrasporti degli Ercolano rappresenta un esito importante e positivo del lavoro che la Dia sta facendo in Sicilia per rintracciare e sequestrare i patrimoni mafiosi. La Geotrans è stata per anni, impunemente, il forziere della famiglia Ercolano: questa confisca è un successo importante nella lotta alle consorterie mafiose.” Lo dichiara Claudio Fava, presidente della Commissione regionale antimafia.

Duro colpo al patrimonio di provenienza illecita per una delle famiglie storiche della criminalità organizzata. La Direzione investigativa di Catania ha confiscato definitivamente beni per 10 milioni di euro a Vincenzo Enrico Augusto Ercolano, 49 anni, figlio di Pippo, deceduto alcuni anni fa, ritenuto uno dei capi di Cosa nostra, e di Grazia Santapaola, sorella di Nitto, boss detenuto per numerosi e gravi reati.  Il provvedimento è stato eseguito dopo la sentenza della Cassazione.

Una lunga e minuziosa attività  investigativa, dall’ operazione “Sud Pontino” del 2006 a “Caronte” del 2014, confortata dalle dichiarazioni di collaboratori di giustizia, ha ricostruito i legami tra Ercolano e i vertici dei clan camorristici dei Casalesi e dei Mallardo di Giuliano, in provincia di Napoli, alleati con le famiglie dei Santapaola – Ercolano, operanti sul territorio catanese, con diramazioni anche all’estero. In particolare  Vincenzo Ercolano aveva la disponibilità esclusiva della società “Geotrans Srl”, e la totale riconducibilità di altre ditte, utilizzate per “recuperare” patrimonio aziendale e clienti della citata “Geotrans”, quando questa era già stata posta sotto sequestro, in quanto frutto delle sue attività criminali, che gestiva con modalità tipicamente mafiose, impedendo la libera attività degli altri imprenditori in quel settore e imponendo l’entità delle tariffe da praticare, in modo tale da condizionare pesantemente il libero mercato, soprattutto nella zona di influenza. La Geotrans Srl, opera da anni nel settore del trasporto su gomma e della logistica, divenuta, in breve tempo, leader in tutta la Sicilia. Le altre società confiscate sono: Geotrans Logistica Frost Srl: società controllata dalla Geotrans Srl per il 99% e per l’1% da Vincenzo Enrico Augusto Ercolano costituita nel 2009; R.C.L. Società Cooperativa Arl: società costituita nel 2014 da alcuni dipendenti della Geotrans Srl; E.T.R. di Ercolano Cosima Palma,  impresa individuale: costituita nel 2001 e attiva nell’autotrasporto per conto terzi.

Vincenzo Ercolano è sottoposto, inoltre, alla misura di prevenzione personale della Sorveglianza Speciale di PS, con l’obbligo di soggiorno nel comune di residenza, per la durata di tre anni, con l’applicazione dei divieti previsti dal Codice antimafia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *