Disabili, dopo la protesta delle famiglie l’Oda e il Comune trovano la soluzione

settembre 4, 2018

 

 

 

CATANIA – La soluzione si troverà nelle prossime ore con la disponibilità e la responsabilità di tutte le istituzioni e gli enti interessati. Le 109 famiglie di disabili già dai prossimi giorni potranno usufruire di nuovo del servizio di accompagnamento. In poche ore è rientrata la protesta in piazza Università del movimento Spontaneo Diversamente superabili, rappresentato da Arianna Scuderi,  dopo l’incontro a Palazzo degli elefanti. “Sono moderatamente ottimista per la soluzione di potere assistere con le cooperative del privato sociale che si sono rese disponibili col Comune tutti i 109 disabili che hanno necessità di essere trasportati negli istituti di cura. Dobbiamo superare un ostacolo burocratico con la Motorizzazione per un bus che la stessa Oda metterà a disposizione.” lo ha detto il sindaco Salvo Pogliese a conclusione di una riunione con le famiglie, presente l’assessore Giuseppe Lombardo..

“Non potevamo far altro che sospendere il servizio di accompagnamento che ci procurava una perdita di 450.000 euro l’anno e già vantiamo un credito da parte del Comune di circa 1,2 milioni di euro – spiega il commissario straordinario della Fondazione Oda, Adolfo Landi -. Abbiamo un “buco” di circa 50 milioni di euro che dobbiamo colmare. Il servizio di trasporto lo effettuavamo per conto del Comune in base ad una convenzione firmata nel 2003 con i costi di allora, scaduta nel 2007 e mai più rinnovata nonostante ripetute sollecitazioni. Dobbiamo garantire innanzitutto i servizi sanitari a 1.500 assistiti e lo stipendi a circa 500 dipendenti. Massima disponibilità da parte nostra, ma dovevamo porre un freno alle attività in perdita e per di più non d’istituto”.

Domani l’assessore Giuseppe Lombardo incontrerà le cooperative per chiudere la nuova intesa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *