Catania – Reggina primo turno dei play off promozione

maggio 12, 2019

 

 

 

CATANIA – Forse non resta che affidarsi alla cabala. Nello scorso campionato Andrea Sottil fu esonerato dalla direzione tecnica del Livorno, poi dopo essere stato richiamato conquistò la promozione. Magari riuscirà a ripetersi con il Catania. La dirigenza rossazzurra lo ha reinsediato sulla panchina dopo aver dato il benservito a Walter Novellino nelle ore successive alla più che deludente prestazione contro il Rieti, ultima gara della stagione regolare. Il ritorno di Sottil non deve essere stato dei più facili, soprattutto dopo qualche sfogo pubblicamente espresso a caldo in seguito all’esonero, unica soluzione per dare una scossa alla squadra. Il tecnico piemontese ha meno di 10 giorni a disposizione per recucire il rapporto con la squadra, non c’è mai stato un vero e proprio feeling, recuperare alcune individualità importanti che hanno decisamente deluso (da Curiale a Marotta, senza dimenticare il già criticato Pisseri), dare continuità a chi sta ritrovando la condizione migliore (Calapai, Manneh,  Sarno), e, aspetto più importante, riuscire a dare una identità tattica e caratteriale a questa squadra che spesso si è impaurita della propria ombra.

L’esordio nei play off che si giocherà al Massimino mercoledì prossimo contro la Reggina, avversario storico e ostico, è potenzialmente in discesa: favorevoli per il Catania 2 risultati su 3, anche il pareggio è sufficiente per passare il turno. Ma l’obiettivo non certo secondario sarà anche quello di riconquistare la propria tifoseria, delusa e sempre più lontana, non solo per il quarto posto, ben al di sotto del valore tecnico dell’organico a disposizione, ma soprattutto per l’incapacità di lottare e di meritare il sostegno delle curve. Poi, in caso di risultato positivo, ci sarà un confronto con partita di andata e ritorno. Tutto è possibile, quindi. Per quanto riguarda la formazione, Sottil non potrà utilizzare lo squalificato Esposito, ma ha recuperato Silvestri. Probabilmente ancora ko, invece, Baraye, che aveva superato la pubalgia, ma in allenamento ha subito una forte contusione che potrebbe consigliare qualche giorno di riposo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *