Catania, sgomberato il centro sociale Colapesce

giugno 4, 2019

CATANIA – Il centro popolare occupato Colapesce di via Cristoforo Colombo è stato sgomberato all’alba di oggi dalle forze dell’ordine. La polizia ha fatto irruzione all’interno dello stabile, saldando un cancello.

L’ex Hard Rock Cafè nella zona delle pescheria, da circa un anno e mezzo era diventato il quartier generale di un centinaio di ragazzi che avevano trasformato quello stabile abbandonato (di proprietà di Unicredit) in un ritrovo per i bambini e i ragazzi del vicino rione popolare Angeli Custodi, ma anche un presidio di solidarietà e accoglienza.

Il centro, era stato occupato il 17 gennaio del 2018, l’occupazione e la trasformazione in centro sociale avvengono nel 2018 da parte del collettivo “I ragazzi della piazzetta”. All’interno del centro sociale Colapesce venivano portate avanti diverse attività, gratuite e al servizio del quartiere: doposcuola, attività di lettura di libri, teatro popolare, laboratori di poesia e chitarra, assistenza legale gratuita per lavoratori in difficoltà e con i cittadini immigrati aiutati all’adempimento delle pratiche per il permesso di soggiorno. Nel tempo quindi Colapesce è diventato punto di riferimento delle famiglie della zona, dei bambini, di chi ha bisogno di un aiuto, di un sostegno.

Oggi l’intervento della Digos ha messo fine a questo esperimento sociale tra le proteste dei giovani del Cpo e la delusione della gente del quartiere. Così l’istituto di credito proprietario dell’ex sede dell’Hard Rock Cafe potrà tornare in possesso dei locali. La Digos ha infatti eseguito un provvedimento della Procura di ispezione dell’immobile per la sua restituzione al proprietario, che ne aveva denunciato l’occupazione abusiva. La struttura, che necessita di interventi per la messa in sicurezza e a norma, era deserta. Così fabbri incaricati dall’istituto di credito hanno messo una porta in ferro battuto all’ingresso. Davanti la struttura ci sono attualmente almeno una cinquantina di persone che stanno protestando contro l’intervento eseguito. In zona il traffico è deviato e c’è un presidio della polizia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *