Catania: battere la Casertana per chiudere alla grande il 2017


 
 
 
Daniele Lo Porto

CATANIA – All’andata il Catania subì la prima sconfitta stagionale, dopo il passo falso interno contro il Fondi. Un punto in due partite, risultati che fecero piombare nella delusione tutto l’ambiente rossazzurro che immaginava dopo una campagna acquisti alla grande di andare avanti come un ruolo compressore.

Il meccanismo era inceppato

squadra in gran parte ricostruita, preparazione atletica programmata per dare il meglio alla distanza, la nuova filosofia di gioco di Cristiano Lucarelli che doveva essere metabolizzata da vecchi e nuovi. Adesso, la situazione è completamente cambiata. Il Catania è secondo in classifica e sia pure attraversando qualche momento di difficoltà (come le sconfitte consecutive contro Sicula Leonzio e Reggina, in casa e trasferta), ha inanellato strisce importanti di vittorie consecutive e lontano dal “Massimino” va avanti a suon di gol e di punti, con

sette imprese corsare che sono record storico della formazione etnea dal dopoguerra

ad oggi. Insomma, la Casertana è avvisata: sabato pomeriggio al Massimino è difficile che riesca a uscire indenne contro un undici che vuole arrivare alla pausa di fine anno riuscendo a rosicchiare qualche punto al Lecce (se poi,
magari, il Trapani facesse l’impresa….
avversario diretto che affronterà alla ripresa delle ostilità, dopo oltre venti giorni di riposo. La sosta di campionato coincide anche con la riapertura delle liste di trasferimento, ma mister Lucarelli vuole evitare distrazioni ai suoi, almeno, appunto, alla sfida contro la Casertana.”Fino al 30 dicembre voglio il massimo da tutti e che nessuno ne parli. Al momento non ho richieste da fare alla società, ho la massima fiducia in tutti e 24 i miei giocatori.  Bisogna essere bravi ad ottenere il meglio da tutti loro: dobbiamo sfruttare lo stato di forma di Ripa (nella foto) e Curiale, quando stavano bene Russotto e Di Grazia abbiamo sfruttato il loro, non sono un integralista ma duttile. Anche Fornito sta facendo molto bene, Mazzarani non è una sorpresa, è un giocatore che ha una qualità diversa per la categoria, sa in cosa deve migliorare e si sta sforzando per ottenerlo – sottolinea Lucarelli, che contro il Fondi ha visto forse il miglior Mazzarani della stagione, determinante nelle prime due reti -.

Dobbiamo battere la Casertana

ed i miei giocatori devono sentirsi tutti dentro il progetto. I tifosi sono una nostra grande risorsa.  Per arrivare a Fondi in un sabato pre-natalizio ed in una trasferta cosi impegnativa, bisogna essere malati di Catania: a loro va, quindi, un grande ringraziamento per averci accompagnato anche in questa occasione. Ci piacerebbe averli molto più spesso al nostro fianco, troppe volte gli viene impedito di seguire la nostra squadra”. i ringraziamenti del tecnico sono anche una chiamata alle armi: sabato pomeriggio al Massimino servirà una cornice di pubblico adeguata all’occasione. il tetto delle 11.000 presenze dovrebbe essere superato per consentire a capitan marco Biagianti e compagni di giocare in un contesto che li spinga verso un’altra vittoria necessaria per fare pressione psicologica sul grande avversario di questo campionato: il Lecce.
Per quanto riguarda la squadra, il 3–5-2 di emergenza rispolverato in queste ultime partite ha dato ottimi frutti, grazie alla difesa blindatissima, al sacrificio di Esposito, Fornito, Caccetta e Semenzato in un centrocampo elastico e grintoso al tempo stesso. Grazie alla continuità di Curiale miglior marcatore della squadra e pronto ad andare in doppia cifra e alla crescita di Ripa che ah ritrovato il gusto del gol, ben sostenuto dai compagni. Di Mazzarani abbiamo già scritto: ha qualità superiore per la categoria e si adatta in tutti i ruoli, non rinunciando ad essere pericoloso e determinante negli ultimi venti metri, proprio come ha fatto a Fondi, dove gli è mancato solo il gol.
la pausa consentirà di recuperare Andrea di Grazia e si spera, al meglio, anche Ciccio Lodi e Andrea Russotto che hanno subito infortuni importanti, ma entrambi scalpitano con la generosità che gli è proprio perchè ai successi vogliono contribuire con il loro apporto in campo e non dalla tribuna.
Ieri, dopo due giorni di riposo,  è ripresa la preparazione che proseguirà per tutta la settimana con appuntamenti pomeridiani fino alla rifinitura di venerdì. Da stamattina sono in vendita i biglietti per Catania-casertana che si giocherà sabato alle 14,30, prima del rompete le righe, magari da festeggiare con l’aggancio al Lecce.
Dal Giornale di Sicilia

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *