Estorsione, a Biancavilla arresti nel clan Tomasello-Mazzaglia

CATANIA – Avrebbero minacciato un imprenditore locale che aveva eseguito dei lavori nell’abitazione di uno dei due uomini: sono ritenuti responsabili di estorsione aggravata dal metodo mafioso, Salvatore Gioco, di 28 anni, e Alfio Mauceri, di 38 anni, entrambi originari di Biancavilla, arrestati oggi dai Carabinieri in seguito alle indagini coordinate dalla procura di Catania adesso nel carcere di Bicocca.

L’imprenditore, che non aveva ricevuto nessun acconto per i lavori svolti nell’abitazione di Gioco, avrebbe sollecitato il pagamento, ricevendo pesantemente delle minacce: qualora avesse insistito a chiedere i soldi che gli spettavano, i due gli avrebbero “spaccato la faccia”. E nel caso in cui avesse denunciato, altre persone lo avrebbero massacrato, e bruciato i locali della sua attività.

Gioco, inoltre, è ritenuto esponente di spicco del clan Toscano-Tomasello-Mazzaglia, attivo nel comune di Biancavilla e considerato articolazione della famiglia catanese Santapaola-Ercolano, e in quanto sorvegliato speciale, risponderà anche dell’aggravante prevista dal codice antimafia. Salvatore Gioco è, inoltre, nipote di Alfredo Maglia, ammazzato nell’ottobre del 2013 ad Adrano e fratello di Nicola,  ucciso nel gennaio del 2014 in via Pistoia a Biancavilla.

Lo scorso 19 marzo, era stato arrestato per il reato di associazione mafiosa in esecuzione di ordinanza di misura cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catania. I riscontri investigativi svolti, caratterizzati anche da attività di riprese video, hanno permesso di ricostruire minuziosamente l’azione estorsiva. L’indagine, svolta a seguito delle operazioni “Onda d’Urto”, “Reset” e “Ambulanze della Morte”, evidenzia ancora una volta la vicinanza della Procura delle Repubblica di Catania e dell’Arma dei Carabinieri alla cittadinanza di Biancavilla e sottolinea la serrata attività investigativa finalizzata a infrangere il muro d’omertà ancora presente nella provincia catanese.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *