Il Bilancio è servito


 
 
 
 

CATANIA – Il Consiglio comunale, presieduto da Francesca Raciti, ha approvato, nel corso di una seduta fiume durata oltre 12 ore, le delibere propedeutiche e il Bilancio di previsione 2017 con la nota di aggiornamento al Dup 2017-2019.
Riunitasi alle 19 di ieri sera, l’Assemblea cittadina ha dato il via libera all’importante documento poco dopo le 7.30 del mattino, con 24 consiglieri presenti, 18 favorevoli, 1 contrario e 5 astenuti. A seguire l’Aula si è espressa positivamente sull’immediata esecuzione. “Ringrazio tutti i consiglieri presenti in Aula, di maggioranza e opposizione, – ha detto la presidente Raciti – per il grande senso di responsabilità dimostrato e ringrazio i presidenti e i consiglieri di Municipalità e le Commissioni consiliari, ma anche i dipendenti che in questi giorni, domenica compresa, hanno lavorato senza sosta”. Nel corso della seduta sono stati presenti nell’aula consiliare, in rappresentanza dell’Amministrazione, l’assessore Salvo Andò che ha illustrato la delibera di Bilancio e gli atti propedeutici, il vicesindaco Marco Consoli e gli assessori Luigi Bosco, Rosario D’Agata, Orazio Licandro, Nuccio Lombardo, Salvo Di Salvo, Valentina Scialfa e Angelo Villari.

Il primo atto votato dal Consesso cittadino nel corso della seduta, molto articolata e caratterizzata da un lungo dibattito, è stato il Dup, il documento unico di programmazione 2017-2019, che ha avuto 18 voti favorevoli, 5 contrari e 8 astenuti su 31 consiglieri presenti.
Successivamente l’Aula ha approvato, con 19 voti favorevoli, 7 astenuti e 2 consiglieri contrari,  la delibera sulla verifica della quantità e qualità di aree e fabbricati da destinare alla residenza, alle attività produttive e terziarie, con la determinazione del prezzo di cessione. È passata con 18 sì, 3 voti contrari e 4 astenuti l’approvazione dell’elenco di immobili di proprietà comunale suscettibili di dismissione e valorizzazione per l’anno 2017 e il triennio 2017-2019, con l’integrazione del Piano delle valorizzazioni e dismissioni del patrimonio immobiliare del Comune di Catania. Tutte delibere, queste, presentate all’Aula dall’assessore al Bilancio Salvatore Andò . È stato invece illustrato dall’assessore ai Lavori pubblici Luigi Bosco il documento relativo al Programma triennale delle opere pubbliche 2017-2019 e l’elenco annuale dei lavori per l’anno 2017 che è stato approvato, insieme a un emendamento dell’Amministrazione, con 18 voti favorevoli, 1 contrario e 6 astenuti.  Anche il Bilancio è stato votato con un emendamento dell’Amministrazione. Oltre 400 gli emendamenti presentati dai consiglieri, alcuni ritirati o votati, altri fatti propri dall’Amministrazione.

 L’assessore al Personale Marco Consoli ha sottolineato come “Con l’approvazione del Bilancio previsionale 2017-2019 da parte di un Consiglio comunale ammirevole, è diventata automatica da una parte la prosecuzione dei contratti per 181 lavoratori precari Puc che possono continuare a lavorare senza soluzione di continuità e dall’altra di prorogare il rapporto con i nove dirigenti a tempo determinato. “Tutto ciò – ha detto – servirà a garantire il buon andamento dell’Amministrazione che prosegue nella sua azione di risanamento delle proprie finanze e di rilancio della città di Catania”. Consoli ha anche sottolineato come, nel corso della seduta-fiume che ha portato all’approvazione del Bilancio, è rimasta presente in aula la quasi totalità della Giunta. “Ciò – ha affermato il vicesindaco – prima di tutto come forma di rispetto nei confronti di un drappello di consiglieri che hanno saputo lavorare duramente per il bene della città, e poi per una forma di solidarietà nei confronti dei tanti lavoratori precari che hanno voluto assistere ai lavori”. Consoli ha ricordato come l’impegno dell’Amministrazione Bianco sia quello di stabilizzare tutti i lavoratori precari.
“Catania è tra i primi comuni italiani ad approvare il documento unico di programmazione e il Bilancio pluriennale”. Lo ha sottolineato l’assessore al Bilancio Salvatore Andò indirizzando “Un doveroso ringraziamento al Consiglio comunale, maggioranza e opposizione” . Secondo Andò è stato anche grazie alla nuova organizzazione degli Uffici se questi sono riusciti a compiere uno sforzo e predisporre per tempo gli atti. “L’approvazione del Bilancio entro i termini – ha detto Andò – rappresenta anche un segnale positivo per quella Corte dei conti che dovrà monitorare il nuovo Piano di rientro approvato nello scorso mese di settembre”. L’assessore al Bilancio ha detto di aver garantito al Consiglio, insieme al ragioniere generale Massimo Rosso, la costituzione di una cabina di regia per monitorare l’andamento dei conti, così come richiesto anche dai Revisori. “La prima verifica – ha detto – la prevediamo, anche in sede di confronto con la Commissione bilancio e il Consiglio comunale, per i primi di giugno. Questo raccordo che si è creato fa ben sperare anche per l’approvazione dei prossimi atti, come la delibera sulla Riscossione e a fine mese il Conto consuntivo 2016”. Entrando nel merito del documento contabile, Andò ha rimarcato come il parere positivo senza condizioni da parte del Collegio dei Revisori  dei conti “serva a testimoniare il rigore con cui il Bilancio è stato redatto, utilizzando i criteri di prudenza e veridicità e operando i tagli necessari a costituire i fondi di accantonamento così come richiesto dai Revisori per garantire equilibrio”. “Va sottolineato tuttavia – ha detto ancora l’Assessore – come tali necessarie riduzioni alle voci di spesa siano ampiamente compensate da fondi giunti a Catania grazie al sindaco Enzo Bianco che ha speso la propria credibilità e prestigio. Fondi provenienti da Patto per Catania e Pon Metro, che garantiscono per il 2017 un impegno di spesa per oltre 60 milioni di euro in particolare nel campo dei servizi sociali, oltre che dei lavori pubblici e della sicurezza scolastica, e di cultura e turismo che rappresentano il volano per la crescita economica della città”.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *