In Sicilia nasce l'orchestra Scontrino, la prima orchestra amatoriale dell'Isola

In Sicilia nasce l'orchestra Scontrino, la prima orchestra amatoriale dell'Isola

CATANIA – In Sicilia nasce l’Orchestra Scontrino, la prima orchestra amatoriale dell’Isola, intitolata al trapanese Vincenzo Scontrino, padre del musicista, didatta e compositore siciliano ed europeo Antonio Scontrino. Fu Scontrino padre a costruire il primo contrabbasso per il giovanissimo Antonio, per farlo suonare nella piccola orchestra che riuniva amici e appassionati.

A questa esperienza si ispira il progetto promosso dall’Associazione AreaSud, con l’intento di veicolare la musica come un bene essenziale per tutti: avere tanti musicisti che suonano insieme per diletto è un fondamentale indicatore di sviluppo civico, sociale e culturale della società.  

Lo stile dell’Orchestra Scontrino, diretta dal M° Alberigo Maria Ferlito e dal M° Daniele Costa, è quello di un ambiente inclusivo ed intergenerazionale, aperto alla partecipazione di ragazzi in formazione, di adulti amatori, o anche di musicisti professionisti in pensione, che vogliano fare esperienza di orchestra. Gli aspiranti partecipanti all’orchestra amatoriale dovranno avere la passione per la musica sinfonica, la voglia di unirsi per suonarla e studiarla al fine di godere della sua bellezza. Requisito fondamentale quello di essere in possesso dello strumento musicale.

AreaSud promuove il progetto dell’Orchestra Scontrino nell’ambito del “Festival Contrappunto”, ispirato e dedicato proprio alla figura di Antonio Scontrino. La manifestazione ha un duplice scopo: sviluppare progetti e produzioni musicali legate alle composizioni del musicista trapanese e offrire occasioni internazionali di scambio nei campi della didattica e della circuitazione degli artisti, con un’attenzione particolare ai giovani musicisti europei.

 Organizzato da AreaSud, con la direzione artistica del M° Nicola Malagugini, “Contrappunto” si pone l’obiettivo di costituire una realtà di coproduzione tra pubblico e privato. Fin dalla prima edizione, prevista nel 2022, con un’anteprima nel 2021, il festival avrà luogo in diverse città siciliane, con un ricco programma di eventi musicali e culturali, che celebreranno l’anno centenario della scomparsa del compositore.

“Contrappunto” sarà inserito nell’ambito della rete di festival siciliani coordinata da AreaSud. Questo consente alla manifestazione di essere inserita nel calendario di Italiafestival, l’associazione nazionale dei festival italiani di spettacolo dal vivo e multidisciplinari, nata in seno all’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (AGIS), e che riunisce i principali festival dedicati ai compositori italiani. 

Vincenzo Scontrino, calafato, cioè impermeabilizzatore di barche, fu il padre di Antonio Scontrino. Trapanese, negli anni Sessanta dell’Ottocento radunava in casa sua musicisti dilettanti per fare un’orchestra allo scopo di divertirsi insieme. Il piccolo Antonio fu incaricato del contrabbasso, costruito dallo stesso padre: si scoprì un talento, che, dopo gli studi al conservatorio di Palermo, lo porterà ad essere direttore del conservatorio di Firenze, a scrivere una sinfonia diretta da Richard Strauss e ad avere rapporti epistolari e di collaborazione con D’Annunzio, Capuana, Verga, Eleonora Duse. Scontrino, allievo di Pietro Platania che è stato l’erede della scuola napoletana e il più grande contrappuntista del suo tempo, divenne così un contrappunto al mainstream musicale del suo tempo.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *