La didattica a distanza con "C.I.R.S. in Fad"

La didattica a distanza con "C.I.R.S. in Fad"

Il coronavirus si sa, ha cambiato le nostre vite e anche le nostre abitudini. I termini smart working, didattica a distanza e classi virtuali sono diventati abbastanza noti ormai in tutte le nostra case. Docenti a lavoro con il loro computer grazie allo smart working e alunni in collegamento con l’insegnante e i suoi compagni per seguire il percorso scolastico anche se le scuole sono chiuse, tutto questo in classi virtuali.

Grazie alle tecnologie e informatiche è possibile far questo. Anche per i mille e cinquecento studenti del C.I.R.S., uno dei primi enti di Formazione Professionale in Sicilia, presenti nelle diverse sedi siciliane è stato possibile interagire con i propri docenti e tutor attraverso una piattaforma virtuale autoprodotta, dal progettista Davide Rossitto. La piattaforma è stata nominata “C.I.R.S. IN FAD”, grazie alla quale la didattica sdogana il concetto di formazione a distanza.

“Nasce tutto dall’esigenza di trovare il miglior modo per non far sentir soli i nostri allievi – afferma il Direttore Amministrativo Giuseppe Maria Sassano – volevamo un modo semplice e veloce per continuare a prenderci cura dell’Istruzione e la continua formazione dei nostri studenti. E così l’idea della piattaforma”.

Una piattaforma che permette l’interazione continua tra docenti e studenti in un modo tutto nuovo rispettando il consueto modus operandi dell’Ente. Le classi virtuali, infatti, svolgono un monte ore che va da 30 a 40 ore settimanali, sfruttando al meglio lo “Smart Working”. Ciò permette, quindi, che tutto il personale continui a lavorare da casa propria, sotto il monitorato continuo del direttore amministrativo e di tutto il cda.

“Nella piattaforma docenti e studenti- dice Sassano- interagiscono tra loro in una chat d’aula, come se la lezione fosse svolta in una normale aula. Il materiale, preparato dai docenti, viene caricato e poi visualizzato dagli allievi: dispense, prove di verifica, video-lezioni. Grazie a questo nuovo modo di fare scuola, abbiamo avuto modo di dimostrare, ancora una volta, il senso di comunità che ci ha sempre contraddistinto”.

Un progetto questo capace di ridurre il divario causato dall’emergenza sanitaria con le famiglie, gli alunni e i dipendenti dell’ente. Anche la Regione Siciliana con l’assessore regionale Roberto Lagalla, ha voluto fare sentire la propria vicinanza, attraverso un video postato in piattaforma e caricato in ogni aula virtuale, con il suo personale saluto e quello di tutta l’amministrazione regionale, augurando un buon lavoro a tutti.

“Mi corre l’obbligo – conclude Sassano – di ringraziare tutto il cda del C.I.R.S., gli animatori digitali, il team per l’innovazione, per aver costantemente supportato la Direzione in questo progetto. Il ringraziamento più forte però, va a tutto il personale che ha accolto di buon grado questo nuovo metodo di “fare scuola” in questo clima di assoluta emergenza e alle famiglie di ogni nostro singolo studente”.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *