La Protezione civile è super attrezzata

marzo 15, 2017

ACI BONACCORSI – L’inaugurazione di un’area polifunzionale di Protezione civile, super attrezzata, è il traguardo raggiunto dall’Amministrazione Alì che, in sinergia con la Regione Siciliana, è riuscita a garantire ai cittadini di Aci Bonaccorsi e dei comuni vicini un servizio utilissimo per la collettività L’area è stata realizzata grazie ad un finanziamento di 700 mila euro erogato dal Dipartimento regionale della Protezione Civile, nell’ambito del PO-FESR Sicilia 2007-2013, ed ha consentito di riqualificare una superficie totalmente abbandonata, adiacente allo stadio comunale, dotando il piccolo centro etneo di un‘area utile alle emergenze nella quale sono stati realizzati tutti i sottoservizi. Alla cerimonia di inaugurazione, officiata dal parroco don Carmelo Torrisi, hanno preso parte i sindaci dei Comuni di San Giovanni La Punta, Antonio Bellia, di Viagrande, Francesco Leonardi, e Aci S. Antonio, Santo Orazio Caruso, le varie associazioni di volontariato e di protezione civile locali, al gran completo e in assetto operativo, l’ing. Calogero Foti, capo della Protezione Civile regionale e l’ing. Giovanni Spampinato, responsabile del servizio Sicilia sud orientale.

“Si tratta – dice l’ing. Giovanni Spampinato – di un’area a disposizione della comunità utilizzabile anche come punto d’incontro e di aggregazione, attrezzata con tutti i sottoservizi, recintata e illuminata”. “L’utilizzo primario – prosegue – è sicuramente quello in emergenza e la possiamo definire un’area di ricovero dove è possibile allestire una tendopoli, che può accogliere tra 180 e 240 posti in circa 30 tende e 17 grandi conteiner per un totale di circa 85 posti”. All’interno dell’area sono predisposti gli scarichi, il punto acqua e quello dell’energia elettrica con i pozzetti in prossimità dei punti di attacco di ogni singolo contener”. “Anche per la rete fognante – conclude Spampinato – sono stati predisposti gli scarichi collegati alla fossa Imhoff ed è dotata di un serbatoio di riserva idrica . Tutti questi servizi consentono di allestirla in brevissimo tempo coma area di ricovero”.

Per Orazio Motta, coordinatore di Protezione civile del Comune di Aci Bonaccorsi: “Questa nuova area riveste particolare importanza sia nel campo delle esercitazioni che, soprattutto, come area si sgombro e ammassamento. Importante e strategica è l’adiacenza al campo sportivo che diventerà, speriamo mai, una tendopoli”.“Oggi – tiene a precisare Motta – è presente anche il GIAE (Gruppo intercomunale area etnea) che comprende i gruppi di protezione civile dei comuni di Aci Bonaccorsi, Aci Sant’Antonio , Viagrande, Zafferana, Santa Venerina, Acireale, San Giovanni La Punta, Trecastagni, S. Venerina Zafferana e Aci Catena. “Il neo costituito gruppo Giae – precisa il presidente Gaetano Vallacqua – nasce per una semplicissima ragione: unire uomini, mezzi e materiali, creare un’unica sinergia, scambiarsi nei momenti di necessità ogni possibile qualsivoglia informazione per rendere più facile ai comuni l’intervento sul proprio territorio ma nello stesso tempo poter chiedere aiuto immediato agli altri comuni attraverso la nostra struttura”.

“Siamo particolarmente soddisfatti – dice il sindaco Mario Alì – perché con questa consegna si concretizza uno degli obiettivi che hanno contraddistinto la mia vita amministrativa, prima da assessore alla Protezione Civile e poi da primo cittadino, dotare il mio comune di un’area attrezzata che sarà un prezioso punto di riferimento anche per i comuni vicini, per quelle emergenze che tutti ci auguriamo non debbano mai verificarsi, ma che nella malaugurata ipotesi ci consentirà farci trovare pronti. “Devo ringraziare – conclude Alì – il Dipartimento regionale di Protezione civile che ci ha dato la possibilità di poter realizzare questa struttura che abbiamo in programma di utilizzare per altre iniziative, anche di carattere aggregativo culturale e sportivo e come punto di riferimento per le esercitazioni delle associazioni di volontariato e protezione civile”.

Salvo Reitano

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *