Catania, M5S: “No alla spartizione delle partecipate”

agosto 22, 2018

 

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo.

CATANIA – Viste la grave situazione finanziaria in cui versa il Comune di Catania e le pesanti criticità evidenziate dalla Corte dei Conti riguardo al bilancio delle partecipate, chiediamo che il sindaco Pogliese dia un segnale di discontinuità con il passato e che i vertici delle aziende siano nominati in maniera trasparente e condivisa. Pogliese, un mese fa, disponendo la decadenza dei consigli d’amministrazione delle società in house Catania Multiservizi, Amt, Sidra, Sostare, Asec, ha dichiarato che i nuovi componenti sarebbero stati scelti garantendo “l’attuazione degli indirizzi politico-amministrativi della nuova Amministrazione”, anche “alla luce della circostanza che le precedenti nomine erano state effettuate intuitu personae, cioè senza alcuna selezione o valutazione comparativa, con il solo limite dei requisiti di legge o di Statuto”.

Ci auguriamo che, dietro alle sue parole, non ci sia l’intento di continuare con una logica della spartizione, così come è avvenuto per le nomine istituzionali al Consiglio comunale: si valorizzino le competenze e la meritocrazia attraverso l’analisi pubblica dei curricula dei più alti profili della città, evitando l’elargizione di poltrone a chi, tra i suoi fedelissimi e tra i suoi alleati, non ha ancora ricevuto una collocazione.

MoVimento 5 Stelle Catania

One Comment

  1. Filly

    agosto 22, 2018 at 10:58 am

    A osi come succede in tutte le città dove il sindaco è pentastellato. Roma, Torino poi non ne ricordo più

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *