Il soccorso è pronto, ma non per i medici

 CATANIA – “Nei Pronto soccorso catanesi, ormai è stato superato ogni limite. Ogni soglia di comprensione. Le aggressioni ai medici, come quella denunciata da una dottoressa in servizio al Vittorio Emanuele, costituiscono ormai una lista intollerabilmente lunga. Quasi fosse scattata una gara di incivile emulazione che priva di serenità i medici e, quindi, impedisce di assistere i pazienti nel migliore dei modi”. Lo affermano il segretario regionale Uil Fpl, Enzo Tango, e Fortunato Parisi, segretario generale della Uil di Catania e della Uil Fpl Medici Sicilia, insieme con il segretario provinciale della Uil Fpl Stefano Passarello, impegnati a Tivoli nell’Assemblea nazionale organizzativa del sindacato di categoria. Tango, Parisi e Passarello aggiungono: “Esprimiamo solidarietà al medico del Vittorio Emanuele, così come la ribadiamo agli altri colleghi che in queste settimane sono stati bersaglio di aggressioni. Abbiamo già chiesto al prefetto una riunione per affrontare questa emergenza e individuare, anche con i direttori generali delle Aziende ospedaliere, soluzioni efficaci”. I rappresentanti sindacali concludono: “Siamo certi, infine, che inquirenti e Questura faranno rapidamente piena luce su quest’ultimo episodio di violenza accertando, così come denunciato dalla vittima, eventuali negligenze dell’agente al lavoro nel Posto di Polizia dell’ospedale. Qualora le accuse venissero provate, sia chiaro comunque che le responsabilità sono sempre individuali e che un episodio non può far venire meno gratitudine, rispetto, per l’azione svolta dalle Forze dell’Ordine. A Catania e in Sicilia, a maggiore ragione”.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *