Natale: Panettone artigianale a Milano, dove acquistarlo

Natale: Panettone artigianale a Milano, dove acquistarlo

di Martina Pumo

Le luci si accendono, i mercatini popolano la città e mentre il centro storico si riempie degli ultimi milanesi (e non) alle prese con lo shopping, una cosa è certa: Natale è alle porte. Le cene natalizie vengono scandite dalle canzoni di Michael Bublé e mentre le vetrine, agghindate a festa, illuminano la Galleria Vittorio Emanuele, una delle scelte più ardue scandisce anche questo Natale: Pandoro o Panettone? Nella capitale meneghina non c’è lotta che tenga, è il panetùn a farla da padrone!

I primi racconti sul Panettone, il pane grande – il Pane di Natale- che veniva mangiato durante le feste di Natale insieme a tutta la famiglia, risalgono alla fine del 1500. Da allora, ogni Natale viene scandito dal gusto deciso dei canditi, dalla dolcezza del burro, dalla freschezza delle uova. Un soffice dolce che, con le sue varianti, riesce a mettere d’accordo tutti. O quasi. Perchè in fondo tutti mangiano il panettone a Natale, ma chi conosce la pasticceria che produce il miglior panettone di Milano? Io no, ma ne conosco sicuramente diverse che grazie alle loro ricette producono alcuni tra i panettoni più buoni a Milano. 

Tra queste, Cova

Conosco moltissime storie su Cova. Delle notti passate ad impastare, dei ragazzi che dal mio liceo, l’alberghiero, passavano lì tutti i weekend che precedono il Natale. Cova porta con sé un alone di magia al gusto di canditi ed uvetta. Nato come caffè letterario, Cova oggi è uno dei caffè più antichi e storici di MIlano ed era uno dei locali preferiti e frequentati da Giuseppe Verdi. Qui il Panettone è un sempreverde: lo si trova tutto l’anno. Ma è sotto Natale che viene esposto il loro panettone decorato, per la gioia di grandi e piccini. Per chi ama i gusti forti e decisi, per chi ama lasciarsi cullare dal dolceamaro del cioccolato, per chi ama i canditi e chi non li riesce proprio ad assaggiare: il panettone della Pasticceria Scaringi è perfetto per chiudere in bellezza anche il più sfarzoso pranzo di Natale. Grazie alla vasta scelta di panettoni, Scaringi riesce a soddisfare ogni tipologia di palato, senza mai giudicare nessuno. Scaringi, però, ha una particolarità: in molti suoi panettoni mancano loro, i canditi. Una scelta che rema contro la tradizione ma che segue il gusto e le tendenze. Così come non può esistere un Natale senza frutta secca, non poteva mancare il panettone al pistacchio. Questa volta, però, le pasticcerie non sono Milanesi DOC. Anzi. Dalla mia amata Sicilia arriva Ammu per offrire un panettone siciliano DOP. 

Perché la cucina non conosce confini e mixare ingredienti e tradizioni è un gioco che amo fare ma, soprattutto, provare. 

E in mezzo a tutte queste fantastiche pasticcerie non potevamo che nominare lui, il tempio della gastronomia Milanese. Il luogo di culto per chi ama coccolare il palato e stupire i propri commensali. Sì, stiamo parlando di Peck, il luogo in cui ogni milanese che si rispetti va in pellegrinaggio per comprare questo o quel prodotto tipicamente natalizio. Sì, ovviamente hanno anche il panettone. Al caffè, al pistacchio, pere e cioccolato, ananas e zenzero. Qualsiasi sia il panettone che desideravi, qui da Peck lo trovi. 

Il Panettone, in fondo, è come il Natale. Molti lo aspettano, pochi lo acclamano ma tutti, proprio tutti lo amano davvero.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *