Operazione “Under Square” allo Zen: scoperto market della droga gestito da un’intera famiglia

PALERMO – Con una operazione antidroga denominata “Under Square”, i carabinieri di Palermo, nella mattinata di oggi, hanno eseguito tre arresti, tre obblighi di presentazione alla Polizia Giudiziaria e una misura provvisoria di libertà vigilata, nei confronti di un intero nucleo familiare dello Zen a Palermo dedito al traffico di sostanze stupefacenti: Davide Arizzi e Antonij Arizzi, di 26 e 27 anni, e Ben Dhaou di 21 anni (in carcere); Carmelo Arizzi, 59 anni, Chiara Giuseppa Arizzi, 29enne e Santa Lo Iacono, 56enne (obbligo di firma), e Giovanni Palazzolo, 30enne (libertà vigilata).

La famiglia Arizzi, avrebbe gestito uno dei tanti market della droga nel quartiere periferico. Ai primi sei è contestata la detenzione illecita di ingenti quantità di stupefacenti. Palazzolo sarebbe socialmente pericoloso. Le indagini dell’operazione Under square sono cominciate nell’aprile 2017, quando i militari hanno arrestato Davide Arizzi con 2 kg di marijuana, 400 grammi di hashish e 18 grammi di cocaina.

Da lì l’inizio delle attività tecniche, con intercettazioni telefoniche e ambientali, grazie alle quali sono stati ricostruiti gli assetti e le dinamiche criminali della famiglia. Arizzi, nonostante la detenzione nel carcere “Pagliarelli” di Palermo, ha tentato di dare ordini al fratello Antonij, per far proseguire la coltivazione di piante di marijuana.

I carabinieri della stazione San Filippo Neri, in un cunicolo sotto un padiglione dello Zen, a fianco alla caserma, hanno individuato una botola ricavata sul pavimento di un vano condominiale, che formava un passaggio sotterraneo di collegamento con il locale dove erano custodite 20 piante di marijuana, 20 dosi di cocaina, circa 800 grammi di marijuana e quasi 1 kg e 500 grammi di hashish.

Gli investigatori hanno trovato un pizzino a Santa Lo Iacono, madre di Arizzi, consegnato dal figlio detenuto in occasione di un colloquio in carcere. Grazie alle informazioni nel foglietto i carabinieri hanno scoperto la droga nel cunicolo. Durante le indagini i carabinieri hanno scoperto che la banda insieme a Giovanni Palazzolo aveva pianificato di rapinare un centro scommesse a Balestrate. Rapina non avvenuta per l’intervento dei carabinieri che hanno fatto diverse perquisizioni domiciliari.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *