Regione, Fava: "Alunni con disabilità costretti a discontinuità"

PALERMO – “La vicenda sollevata dall’intervento di Manuel Lacerati durante l’inaugurazione dell’anno giudiziario a Palermo riporta al centro del dibattito il tema del diritto allo studio per gli studenti con disabilità. E non è casuale che sia uno studente siciliano a farlo”, dichiara il deputato regionale di CentoPassi Claudio Fava. “Gli alunni con disabilità sono costretti da un decennio a subire una discontinuità didattica – prosegue Fava – che è ormai diventata cronica, dovuta sia alla insufficienza di docenti di sostegno specializzati, ma anche dall’allontanamento che hanno subito ingiustamente migliaia di docenti meridionali e siciliani con la Buona scuola. Mentre oltre il 30% delle cattedre non sono assegnate in via definitiva. Una gestione approssimata che colpisce anche il servizio garantito dagli assistenti alla comunicazione e igienico personali, migliaia di figure professionali nella sola Sicilia. A questo si aggiunge la mancanza di un sistema di trasporto dedicato causato dalla mancanza di risorse economiche delle amministrazioni locali”.
“Il sistema intero, in Sicilia – aggiunge Fava- sta franando nella totale indifferenza delle istituzioni. Il diritto allo studio per gli studenti con disabilità è, di fatto, negato”. Sul tema complessivo del diritto allo studio e dei necessari, e non rinviabili, interventi anche a tutela degli alunni con disabilità Fava ha già presentato un DDL che sarà esaminato dalla competente commissione all’ARS.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *