Regione, M5S, 6,4 milioni per servizi ai disabili, ma ex Province ferme

PALERMO – “Sono disponibili 6 milioni 400 mila euro per i servizi ai disabili ma le ex Province non hanno fornito alla Regione i dati relativi all’ammontare delle somme necessarie ad attivarli. Se solo uno dei Liberi consorzi non provvede a comunicarli, si blocca tutto. Gli uffici facciano presto”. Lo dice deputato regionale M5S Stefano Zito, che rivolge un appello ai commissari delle ex Province per sbloccare i servizi per i disabili, ancora al palo. “È tutto pronto – aggiunge – ho appreso dal ragioniere generale Bologna che appena arrivano i dati dai Liberi Consorzi i servizi verranno immediatamente attivati. Affinché le somme siano trasferite alle ex Province, le medesime e l’ufficio scolastico regionale devono infatti comunicare alla Regione il dati sul loro fabbisogno. Se anche un solo dato venisse a mancare si bloccherebbe tutto”. “Certo – prosegue – la Regione se l’è presa veramente comoda. La delibera di giunta è stata fatta solo il 28 agosto. Probabilmente nessuno gli ha fatto sapere che le scuole avrebbero aperto i cancelli i primi di settembre”. “Quanto avvenuto, e gli eventi ‘scoperti’ col nostro interessamento – aggiunge il deputato regionale del M5S Giorgio Pasqua – mostrano ancora una volta che a guidare l’attività del governo regionale è il criterio dell’ approssimazione. Gli studenti disabili non possono attendere ancora, va loro garantito il diritto allo studio”.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *