VIDEO - Regione, Musumeci: "O le riforme o tutti a casa"

O le riforme o tutti a casa#Sicilia #governoMusumeci

Pubblicato da Nello Musumeci su Martedì 19 giugno 2018

PALERMO – «Prendo atto, con assoluta serenità, della volontà espressa oggi dal parlamento siciliano di rinviare in commissione Bilancio il disegno di legge sul collegato alla Finanziaria.
Aspetto fiducioso che il testo torni in Aula per essere serenamente valutato da tutti i gruppi politici, soprattutto negli articoli riguardanti la creazione del Polo per il credito agevolato (fusione
Crias-Ircac) e la soppressione dell’Esa, l’ultimo carrozzone della Prima Repubblica. Una cosa è certa: il mio è il governo del cambiamento, per il quale ho chiesto ed ottenuto a novembre il
consenso del popolo siciliano. Se sulla strada delle riforme il parlamento dovesse già da ora mettersi di traverso non ci sarebbe più alcuna ragione per restare al mio posto. In questa Regione devastata e saccheggiata dalla più famelica partitocrazia non è più tempo per riproporre metodi antichi.» Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

“Basta, chiudiamo questa eterna sessione di Bilancio e torniamo a dare risposte ai siciliani. Per troppo tempo quest’aula è stata paralizzata dai giochetti di questa inesistente maggioranza, mentre la Sicilia è in attesa di risposte. Siamo stanchi di essere additati come fannulloni. Noi ci siamo sempre, chi chiede perché finora si è fatto pochissimo, prego si rivolga a Musumeci”. Lo dice la capogruppo all’Ars Valentina Zafarana che spiega in questo modo il voto del M5S per rispedire in commissione il collegato alla Finanziaria. “Un disegno di legge inutile – afferma la deputata – tenuto in piedi solo per accontentare gli appetiti di qualcuno e non certo dei siciliani. Un ddl che ha bloccato quest’aula con ripetuti rinvii motivati solo dalla mancanza di numeri da parte della maggioranza, che ha posticipato la votazione del testo per paura di andare sotto. Ogni giorno andiamo nei territori a raccogliere le istanze della gente per portarle in aula, ma abbiamo le mani legate, visto che qui sì è lavorato col contagocce. E lo ripeto, per colpe non certo da addebitare a noi. A Musumeci e alla sua maggioranza – conclude la deputata – chiediamo di cambiare passo. Subito. E con noi lo chiedono i siciliani che ci hanno chiamati a rappresentarli dentro questo Parlamento”.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *