Santa Venerina, tutti i premiati di “Teatrando”

settembre 2, 2019

SANTA VENERINA – Uno spettacolo all’insegna delle emozioni e della sicilianità quello della serata di gala conclusiva il calendario della VII edizione della rassegna/concorso teatrale “Teatrando”, premio “Re d’argento” 2019, svoltasi sabato 31 agosto, in piazza Immacolata di Dagala del Re, organizzata dall’Associazione Policulturale/Sportiva “Mondo Aperto” Onlus, presieduta da Vera Contarino, in collaborazione con il Comune e la Pro Loco di Santa Venerina, nell’ambito del cartellone della rassegna “Santa Venerina Estate duemila19”. I prestigiosi riconoscimenti “Re d’argento “ quest’anno sono andati all’attore emergente Alessandro Idonea, attore e regista catanese, fondatore dell’associazione GAGS, formato alla Scuola di recitazione del Teatro Stabile di Catania, diretta da Lamberto Puggelli, che ha regalato al pubblico un esilarante monologo satirico sulla sanità ospedaliera a Catania e al leggendario gruppo folk (world music) I Lautari, nato a Catania negli anni ottanta (1987) che ha portato alla ribalta la musica tradizionale siciliana adattandola al gusto moderno, nel suoi trent’anni di storia nel solco della tradizione musicale popolare. I Lautari hanno letteralmente ammaliato e trascinato il pubblico, prima insieme ad Idonea fondendo musica e poesia e successivamente proponendo alcuni bellissimi brani. Senza particolari sorprese la premiazione della VII rassegna concorso “Teatrando”. La giuria tecnica del premio composta dal direttore artistico della rassegna Giovanni Vecchio, dal giornalista Mario Pafumi, dall’ex assessore alla cultura Assunta Vecchio e dall’attore Alfredo Pulvirenti, dopo avere assistito alle performance delle tre compagnie teatrali in gara ha deciso di assegnare i seguenti premi: Premio “Attore Non Protagonista” ad Enzo Patané del Gruppo Famiglia di Aci Platani(“Lu morti assicuratu“ di Centonze, per la regia di Gianni Seminara; Premio “Attrice Non Protagonista” a Patrizia Leotta della Compagnia “La Collina d’Aci” di Pennisi”(“Gatta ci cova” di Russo Giusti, per la regia di Rosario Cristaudo; Premio “Attrice Caratterista” a Giovanna La Spina de “I Nati per Caso” di Dagala del Re (“ Mprestimi a tò muggheri “ di Mignemi, per la regia di Venera Contarino; Premio “Miglior Attore Protagonista”: Salvatore Cristaudo- “La Collina d’Aci”. La giuria popolare, formata da dodici componenti (Angelo Geremia, Miranda Grasso, Salvatore Musumeci, Lucia Casella, Maria Tropea, Rita Sorbello, Vera Di Bernardo, Pina Caltabiano, Mariagrazia Larcà, Anna Murò, Alfredo Leonardi, Mario Leonardi) hanno assegnato invece i Premi “Miglior Commedia”, “Miglior Scenografia” e “Miglior Regia” alla Compagnia La Collina d’Aci di Pennisi(“Gatta ci cova” di Russo Giusti, per la regia di Rosario Cristaudo). Il Premio “per l’originalità espressiva” è andato a Saro Testa della Compagnia “I Nati per Caso” di Dagala del Re. Nel corso della serata, presentata dalla coppia Gianvito De Salvo – Vera Messina, sono stati consegnati anche premi speciali a personalità che si sono distinte nel mondo sanitario, sociale e della solidarietà, come il colonnello Massimo Lucca, l’avvocato Anastasia Di Stefano, la dottoressa Maria Giovanna Lisbona, il dottore Filippo Maria Cuba dell’Inps e l’imprenditrice Carmen Arena. Straordinario successo e pubblico in piedi per l’intervento artistico della marionettistica Fratelli Napoli, la storica compagnia fondata a Catania nel 1921 da Gaetano Napoli e oggi, giunta alla sua quarta generazione, senza interruzioni, rappresenta la piu’ significativa realta’ del tradizionale teatro dei pupi di tipo catanese. Degna di nota la trascinante esibizione del Gruppo folk Vcchia Jonia di Giarre.. La prima parte della serata è stata vivacizzata dagli interventi canori di Orazio Vecchio, e del soprano Angela Aleo. Applaudite anche le performance dei Juculares (artisti di strada), del cantastorie ed epigono della danza “stressa” Alosha e degli Aturia, cover band di Pino Daniele.

Carlo Tancredi Pafumi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *