SiciliAntica: giù le mani da Monte Scalpello!


 
 
 

AGIRA – Nonostante la pioggia, il vento e la nebbia, oggi SiciliAntica era su Monte Scalpello a svolgere il suo principale ruolo: la protezione e la valorizzazione delle evidenze archeologiche, paleontologiche e naturalistiche di uno dei siti più belli della Sicilia. I soci di SiciliAntica hanno partecipato numerosi all’escursione di protesta organizzata dai membri della Presidenza Regionale dell’Associazione e dalla Sede di Agira.

Il sito, unico nel suo genere sotto il profilo geologico, ricchissimo di evidenze paleontologiche e storico-archeologiche, che attestano peraltro una frequentazione umana senza soluzione di continuità, rischia infatti di essere completamente distrutto dall’apertura di una cava di calcare, che è stata autorizzata dall’ Assessorato Regionale dell’Energia e dal Distretto minerario di Caltanissetta, nonostante il monte sia interamente sottoposto a vincolo paesaggistico.

“La nostra battaglia è solamente all’inizio. Non ci arrenderemo tanto facilmente e ci auguriamo che altri si uniscano a noi, perché è dovere di tutti proteggere e salvaguardare il patrimonio culturale e naturalistico della nostra terra”, ha dichiarato la presidente regionale, Simona Modeo.

Preannunciato un esposto alla Procura della Repubblica, per verificare se tutto l’iter è regolare. Intanto, i cento posti di lavoro annunciati dall’impresa diventerebbero, secondo una stima dell’assessorato regionale, appena sette.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *