Start up e competenze trasversali. A Gela due iniziative per avvicinare i giovani al mondo dell’innovazione

maggio 10, 2019

GELA – Cultura delle start up e laboratorio di competenze trasversali per avvicinare i giovani studenti delle scuole al mondo dell’innovazione, degli ecosistemi imprenditoriali e delle nuove imprese. A Gela, grazie al Lions Club guidato da Salvatore Sauna e all’istituto di istruzione superiore Luigi Sturzo diretto dal Dirigente Grazio Di Bartolo, due encomiabili iniziative sono state organizzate per sensibilizzare il mondo giovanile verso i temi di frontiera sullo sviluppo economico.

Su iniziativa del socio Lions Nunzio Rinaldi segretario del comitato territoriale Sicilia dell’ANASF, il Lions Club di Gela ha promosso un convegno su start up, giovani e territorio con un focus sulla responsabilità sociale delle imprese. Il convegno infatti rientra nell’ambito del tema distrettuale Impact Investing, promosso dal Governatore Vincenzo Leone, di cui è delegato il prof. Rosario Faraci dell’Università degli Studi di Catania. Al docente universitario è toccato il compito di tenere la relazione di apertura del convegno cui hanno fatto seguito gli interventi di Angelo Cammarata presidente siciliano dell’ANASF (Associazione nazionale dei Consulenti Finanziari), di Emanuele Turco direttore del Museo archeologico di Gela e le conclusioni del primo Vice Governatore del Distretto Lions Sicilia Angelo Collura.

L’istituto tecnico commerciale Luigi Sturzo ha organizzato un workshop sul personal branding, a conclusione di un percorso triennale di alternanza scuola lavoro sull’impresa simulata coordinato dalla professoressa Mariangela Faraci e dalla tutor d’aula dottoressa Angela Gugliotta. Il seminario si è incentrato sul tema delle competenze trasversali acquisite dagli studenti durante l’alternanza e di cui, a partire da quest’anno, i maturandi dovranno riferire dettagliatamente al colloquio orale nell’ambito dei nuovi esami di maturità predisposti dal Ministero. Nel corso del workshop è stato spiegato agli studenti come redigere il curriculum vitae e come presentare se stessi ad un colloquio di lavoro.

C’è un fil rouge che lega le due iniziative promosse a Gela dal Lions e dall’istituto Luigi Sturzo. Le start up rappresentano oggi un modo nuovo di fare nuova impresa, superando il concetto tradizionale della fabbrica, proponendo un’idea di imprenditorialità più basata sui progetti, sulle esperienze, sul co-working. E dunque le start up, lungi dal rappresentare la panacea di tutti i mali dell’occupazione giovanile in Italia, diventano sicuramente un prezioso laboratorio sociale dove i giovani possono acquisire, affinare e maturare le competenze trasversali, le cosiddette soft skills, necessarie per accedere al mondo del lavoro, delle imprese e delle professioni. Con la speranza, oggi meno utopistica che nel recente passato, che i giovani possano diventar loro stessi neo-imprenditori, a servizio del territorio, ma con un occhio rivolto al mondo intero perchè il web offre preziose opportunità di nuovi business

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *