Un Natale dalle grandi idee per i giovani imprenditori di Catania

CATANIA – Onorata dalla presenza del sindaco Enzo Bianco, si è tenuta ieri sera la cena di Natale 2017 di giovani imprenditori e professionisti di Catania.
La serata, nella suggestiva location del Museo Civico Castello Ursino, oltre che ad uno scambio di auguri condiviso, ha avuto l’obiettivo di raccogliere fondi per lanciare la prima azione nel territorio: l’illuminazione della scalinata d’ingresso del giardino pubblico Vincenzo Bellini.
“Conosciamo le necessità della nostra città, i temi che stanno più a cuore ai cittadini, a tutti noi. Il compito delle forze imprenditoriali e professionali è promuovere la partecipazione attiva e la diffusione della cultura d’impresa: investire per ripartire con coraggio e dare vigore alla nostra terra creando le giuste condizioni  per riappropriarci del nostro territorio” ha commentato Gianluca Costanzo di Giovani Confindustria.
Un forte messaggio di cooperazione e attenzione rivolto alla città, ben accolto dal sindaco Bianco che così ha detto: “L’iniziativa di riunirvi è un  segnale importante per  una città che conta risorse eccellenti nel mondo delle imprese e professioni, ma soprattutto è un segnale che tende a superare quella che io definisco “sindrome dello spettatore”. Voi avete deciso di non mettervi in tribuna a dare giudizi, ma scendere con coraggio in campo con la volontà di fare e, perché no, di battere i pugni per la vostra città, per dare vigore alla sua economia. Vedervi insieme superando logiche che in anni precedenti hanno lacerato piuttosto che operato, mi lascia guardare con fiducia e ottimismo al futuro e per questo mi attendo di vedere tutti i giovani protagonisti della propria città per animarla con iniziative e progettualità”.
Pietro Ambra, presidente Giovani Imprenditori Confcommercio Catania, ha poi concluso: “Una ripartenza in salita per un cammino che ci vedrà impegnati seguendo la logica del fare. I giovani insieme per lanciare un messaggio di coesione e operosità in una città che non deve perdere la speranza di un futuro prosperoso che con volontà ed entusiasmo, può e deve superare gli ostacoli che negli anni hanno impedito il giusto rilancio economico e sociale ad un territorio ricco di storia, cultura, tradizioni ed eccellenze come lo è il nostro”.

 

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *