Vivi Ortigia con due euro nel fine settimana

Vivi Ortigia con due euro nel fine settimana

 

Siracusa – È attivo  il servizio “Vivi Ortigia e dintorni”, che consente di raggiungere il centro storico in taxi al prezzo di 2 euro, risultato del protocollo d’intesa  firmata tra  l’assessore alla Mobilità e trasporti, Dario Abela, con i rappresentanti degli altri due soggetti che hanno deciso di collaborare con il Comune: “Consorzio Demetra ristoratori Siracusa” e “Associazione radiotaxi”. La convenzione è estesa anche a tutti i tassisti non associati che privatamente vorranno aderirvi.

Il servizio è attivo da venerdì a domenica e consente di ridurre la pressione del traffico sul centro città nei giorni di maggiore flusso di auto alla ricerca di un posteggio. Chi intende lasciare a casa il proprio mezzo, potrà recarsi in uno dei sei punti di raccolta individuati e prendere un taxi che condurrà fino a piazza Archimede al prezzo di 2 euro per ciascuno passeggero se a usufruire del servizio saranno 4 persone. La corsa costerà 8 euro anche nel caso in cui a richiederla saranno meno di quattro persone; i passeggeri riceveranno un coupon, della durata di un mese, che consentirà di avere uno sconto di pari importo in uno dei locali aderenti al Consorzio Demetra.

Il servizio sarà effettuato dalle 20 alle 3 dell’indomani. I punti di raccolta sono stati individuati in: piazza Sgarlata, viale Tunisi (nei pressi del civico 74), via Piazza Armerina, viale Santa Panagia (scuola Costanzo), piazza Adda (nei pressi dell’edicola) e parcheggio Von Platen. Da Ortigia è previsto un solo punto di raccolta in piazza Archimede. I taxi possono essere prenotati chiamando al numero dell’associazione, 0931.1795, oppure allo 0931.64323 e allo 0931.60980 per i privati.

 Per l’assessore Abela si tratta di “un’iniziativa che vuole scoraggiare l’uso dell’auto privata nei fine settimana e salvaguardare il centro storico dal peso del traffico. Offriamo – afferma – una possibilità di mobilità sostenibile a condizioni vantaggiose non solo a chi voglia risparmiarsi lo stress degli incolonnamenti e della ricerca di un posto per l’auto ma anche ai tantissimi giovani che si ritrovano il sabato sera in Ortigia e in molti casi costringono i genitori ad accompagnarli”.

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *