Riccardo Tomasello presidente del Comitato per la festa di Sant’Agata

settembre 17, 2019

CATANIA – Il sindaco Salvo Pogliese e l’arcivescovo metropolita Salvatore Gristina hanno comunicato i nomi dei componenti del nuovo “Comitato per la festa di Sant’Agata nella città di Catania”: dottor Riccardo Tomasello (presidente), prof. Giovanni Russo (vicepresidente), dott. Giampaolo Adonia, arch. Fulvia Caffo, dott. Puccio Gennarino, avv. Carmelo Peluso, notaio Maria Grazia Tomasello.

Il sindaco e l’arcivescovo hanno comunicato di voler riconfermare il commendatore. grand’ufficiale. Luigi Maina, quale presidente onorario del Comitato. Nel porgere gli auguri di buon lavoro ai nuovi componenti, il sindaco e l’arcivescovo hanno ringraziato i membri uscenti, per l’impegno profuso a favore della festa di Sant’Agata nostra Patrona.

“Accolgo, grato e commosso, l’incarico di presidente del “Comitato per la festa di Sant’Agata nella cittá di Catania” affidatomi dal Sindaco di Catania Salvo Pogliese e dall’Arcivescovo metropolita S.E.R. Mons. Salvatore Gristina. Non mi sarei mai aspettato di ricevere un cosí grande dono, che onoreró con devozione, fede e impegno – questa la prima dichiarazione del neo presidente – . Pregheró Sant’Agata perché aiuti il comitato a compiere le scelte migliori per una festa responsabile, autentica, armoniosa e unita. Ringrazio dal profondo del mio cuore le tantissime persone che mi hanno manifestato stima e affetto, siete la mia forza!! Viva Sant’Agata!”

Riccardo Tomasello, 41 anni, è un imprenditore impegnato nel sociale e nell’associazionismo, con particolare predisposizione alla valorizzazione degli aspetti legati all’ambiente e alla cooperazione. Dirigente d’azienda, con la cooperativa “Bios” da lui fondata, ha permesso a molti giovani di lavorare, con particolare riguardo ai soggetti svantaggiati della città di Catania. Da qualche anno si dedica alla viticoltura nel cuore del Parco dell’Etna. Cultore dell’arte è stato promotore di mostre e spettacoli che hanno permesso a giovani artisti di emergere nell’ambito artistico e culturale.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *