Sant’Egidio, patrono di Linguaglossa venerato in tutta Europa

agosto 24, 2019

LINGUAGLOSSA  – Protegge la cittadina  dalle eruzioni e dai terremoti provocati dall’Etna, è venerato come patrono dei lebbrosi, degli storpi e dei tessitori. In alcune località d’Europa, dove il culto è particolarmente sentito, alla sua figura è affidata anche la protezione dei bambini. Con rinnovata fede la comunità linguaglossese dedicherà in modo ancora più solenne i festeggiamenti a Sant’Egidio Abate, dal 24 agosto al 9 settembre 2019.

Il fitto calendario di eventi è stato presentato questa mattina nella Casa San Tommaso presenti:  Salvatore Puglisi, sindaco di Linguaglossa, Manlio Messina, assessore regionale alla Cultura e Turismo, don Orazio Barbarino,  arciprete della Chiesa Madre Santa Maria delle Grazie, prof. Salvatore Castorina, governatore della Confraternita ”Sant’Egidio Abate”, Filippo Bonaventura, comandante dei Carabinieri di Linguaglossa, Antonio Saeli, direttore artistico, Gaetano Ragaglia, presidente dell’Associazione “Commissione Festeggiamenti Sant’Egidio Abate”.

Le celebrazioni in onore del patrono  sono un’ottima opportunità di valorizzazione del territorio per fini turistici, ha sottolineato l’assessore regionale Manlio Messina, e di prodotti tipici come la nocciola dell’Etna, che da qualche anno viene utilizzata per la realizzazione di un dolce tipico dedicato a Sant’Egidio: “u bastuni”, che potrà essere acquistato in tutte le pasticcerie. Proprio al nocciolo è dedicata la giornata  del 6 settembre con riflessioni, degustazioni e suggestioni.

Sabato 24 agosto, alle 19, presentazione del libretto Preghiere, canti e lodi in onore di Sant’Egidio Abate, a cura della Commissione e della Confraternita, bella casa San Tommaso. Alle 20, inizio dei solenni festeggiamenti, alle 21 cena sotto il campanile con polenta, salsiccia, anguria, cannoli siciliani, dolci al pistacchio. Spettacolo musicale con tributo a Lucio Dalla. Alle 24 accensione fiaccola e fuochi pirotecnici.

Il programma liturgico inizierà domenica 25 agosto, alle 7 con il pellegrinaggio a Monte Santo. Alle 17 ingresso del corpo bandistico “Città di Zafferana Etnea. Alle 17,30  il sindaco Salvatore Puglisi accoglierà sul sagrato della Chiesa Madre la statua del Santo Patrono al quale consegnerà le chiavi della città.

Alle 22 tributo a Eros Ramazzotti.

“L’Amministrazione comunale ha messa a disposizione tutta la sua struttura amministrativa e logistica per permettere un ulteriore salto di qualità delle manifestazioni dedicate a sant’Egidio – ha sottolineato il sindaco – , agevolare l’impegno del comitato organizzatore, accogliere nel migliore dei modi fedeli e turisti, che avranno l’opportunità di conoscere e apprezzare una comunità che ama le proprie tradizioni, ma vuole anche proiettarsi verso una nuova economia”.

Per ulteriori informazioni www.santegidiolinguaglossa.it o la pagina facebook /egidiolinguaglossa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *