I virtuosismi organistici di Luca Tomarchio

luglio 11, 2019

GIARRE – Il giovane musicista Luca Tomarchio, nei giorni scorsi, ha fatto risuonare lo strepitoso organo a canne costruito dai F.lli Serassi, uno dei più grandi e belli dell’Isola, grazie all’invito del parroco del Duomo, Don Nino Russo. Il parroco ha approfittato del fatto che il giovane si trova in vacanza a Giarre, città natale del padre, così lo ha invitato ad eseguire ben due mini concerti, peraltro molto apprezzati dal pubblico, dopo la messa vespertina dei giorni 5 e 8 scorsi. Luca ha eseguito con ottima tecnica e capacità interpretativa brani di Bach, Hendel, Albinoni.

Si tratta di una vera e propria passione quella dell’organo per i giovanissimo Luca Tomarchio, perché in realtà egli studia la tromba, riconosciuto comunque come vero e proprio talento musicale dai suoi insegnanti di musica. Nato a Roma l’otto gennaio del duemiladue, ha cominciato a frequentare la scuola di musica di Fabrica di Roma a soli 5 anni ed è entrato a far parte della Banda Musicale comunale a 10 anni come trombettista. Nel 2015 si è iscritto al Liceo Magistrale ad indirizzo Musicale Santa Rosa da Viterbo. La parte musicale del Liceo viene certificata ogni anno dagli insegnanti del Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Studia la Tromba in Si bemolle e la tromba in Do come primo strumento ed il contrabbasso come secondo strumento. Attualmente è stato ammesso al quinto anno con la media del 9. Il prossimo anno entrerà al Conservatorio per proseguire gli studi ad alta formazione musicale. Inoltre come autodidatta studia l’organo ed è appassionato degli organi a canne. Infatti con l’aiuto dei parroci della Diocesi di Civita Castellana riesce ad esercitarsi in tutte le parrocchie dove è presente un organo a canne. Ecco perché accetta volentieri di fare degli eventi musicali o meglio di “apprendistato”, se così si può dire, in tutte le occasioni che gli capitano.

Mario Pafumi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *